3
letteratura rosa

I ROMANZI DELLA ROSA SALANI
(seconda edizione de I Grandi Romanzi Salani: cover blu
e seconda edizione della Biblioteca delle Signorine Salani: cover rosa)
AUTORI E ILLUSTRAZIONI


ALANIC, MATHILDE (1864-1948)

Mathilde Alanic nasce l'11 novembre 1864 ad Angers (Maine-et-Loire) da una famiglia di commercianti. Compie studi regolari alla scuola superiore di lettere (corrispondente al ns. Magistrale) ed è attratta dalla scrittura da subito. Pubblica alcune novelle con lo pseudonimo di Miranda nella Revue de l'Anjou e anche su alcune riviste parigine. Il suo primo romanzo, Le Maître du Moulin Blanc, è pubblicato nel 1898 (su La Petite Illustration). Il suo genere è quello sentimentale, ed ha al suo attivo una trentina di titoli. Muore il 20 ottobre 1948 ad Angers, da dove non si è mossa per tutta la vita. La città le intitola una via.

Premi e riconoscimenti:
nel 1903 il premio Montyon dell'Académie Française per Ma Cousine Nicole,
nel 1913 il premio Jules Favre dell'Académie Française per Petite Miette,
nel 1920 il premio Sobrier-Arnould dell'Académie Française per Les roses refleurissent
nel 1920 il premio Sobrier-Arnould dell'Académie Française a motivo delle sue opere morali,
nel 1929 la décoration de Chevalier de la Légion d'honneur.


TITOLI

Le maître du Moulin-Blanc (1898)
Norbert Dys (1899)
Le Devoir d'un fils (1906)
La Gloire de Fonteclaire (1907)
La Fille de la Sirène (1909)
Petite Miette (1911)
Et l'amour dispose (1912)
Au Soleil couchant (1913)
Ma cousine Nicole (1913)
Les roses refleurissent (1919)
Le Sachet de lavande (1924)
L'Aube du coeur (1925)
A chacun sa chimère (1930)
Aime, et tu renaîtras! (1930)
Anne et le Bonheur (1930)
Étoiles dans la nuit (1932)
Les Espérances (1933)
La Fenêtre sur la route (1939)
La Cinquième Jeunesse de Mme Ermance (1944)

Tradotti in italiano:

La cugina Nicoletta (Milano, G. Mantegazza, s.d.)
La figlia della sirena (Milano, Tip. del Corriere della Sera, 1911)
Al Mulino bianco (Milano, G. Mantegazza, 1919)
Il miracolo delle perle (
Milano, G. Mantegazza, 1930 - Salani, 1933 - Sonzogno, 1935))
La zia Tinetta (Milano, A.R.A., G. Gasparini, 1932)
A ciascuno la propria chimera (Roma, Società San Paolo, 1944)
Ma l'amor mio sei tu! (Salani, 1947 e 1950)



Mathilde Alanic, Ma l'amor mio sei tu,
I Romanzi della Rosa Salani (cover rosa),
ill. di Gastone Rossini
(courtesy E. Samarelli)


Mathilde Alanic en 1911. Photographie, cliché Cauville. Arch. mun. Angers
source photo: www.angers.fr

BAUMGARTEN, HARALD (1890-1975)

Nasce a Tubingen il 4 febbraio 1890; studia storia dell'arte, filosofia e tedesco a Tubinga e Berlino, ma non si laurea perché nel 1913 riceve un'offerta di impiego come comparsa dal teatro Neues Schauspielhaus di Lepizig. Vi rimane, diviene attore professionista e poi regista fino al 1927, quando decide di diventare scrittore. Le sue interpretazioni, che includono un Peer Gynt di Ibsen (Augustusplatz, Leipzig, 12 febbraio 1916, per la stagione 1915-1916 del Küstrin Sommertheater) sono elencate annualmente dal 1913 nel Neuer Theater Almanach: Die deutschen Theater, ihre Vorstände und Mitglieder (Nuovo Annuario del Teatro tedesco: registi attori soci). Dal suo debutto letterario nel 1928 fino alla morte scrive 194 libri, nel genere letteratura di intrattenimento. Alcuni di questi sono stati scritti dalla moglie Johanna, usando il nome del marito, altre volte volte la coppia scrive a quattro mani. Baumgarten usa anche lo pseudonimo Felix Johns.
In letteratura debutta con Tarantella: Ein exot Abenteuer (Tarantella, un'avventura esotica) Georg Müllers Kriminalromane, n° 34, 1928. I suoi romanzi vengono pubblicati nelle collezioni tascabili economiche come Kelter-romane (1952-1957, dell'editore Martin Kelter, "i romanzi a 60pfenning per passare una serata allegra"), Kriminal-romane, Güldensee-Romane.

Continua a pubblicare durante la Seconda Guerra Mondiale; non essendo un autore "impegnato" durante gli anni nazisti non incorre nelle attenzioni della censura. Anzi i suoi romanzetti, come Fünf Millionen suchen einen Erben (Cinque milioni in cerca di un erede), un "melodramma con un buffet assortito di elementi divertenti", rappresentando una Germania spensierata e allegra erano benvisti dal Ministero della Propaganda, che ne approvò le versioni cinematografiche: se ne conoscono sei, molto ben accolte dal pubblico (v. box).
Collabora al Berliner Illustrierte Zeitung, Allgemeine Zeitung (Mainz), Frankfurter Zeitung. Questi ultimi due sospesi dalle forze di occupazione, si fondono nel Frankfurter Allgemeine Zeitung nel 1949. Baumgarten è uno dei redattori-fondatori.
Visse principalmente ad Amburgo a vari indirizzi, poi si trasferì a Berlino nel 1939, Kufsteiner Strasse 45, che rimase nel settore americano alla fine della guerra. Qui muore il 29 maggio 1975.

TITOLI

Tarantella (München, Georg Müller, 1928)
Der Weg der Greta Heldien (Leipzig , Munz & Co., 1930)
Tapfere kleine Nelly (Niedersedlitz, Münchmeyer, 1931)
Mädchen, warum fährst du nach Berlin? (Niedersedlitz, Münchmeyer, 1931)
Die Frau, die man übersah (Niedersedlitz, Münchmeyer, 1931)
Das Neu des Chinesen Tschang (Dresden, Moewig & Höffner, 1931)
Fünf Millionen suchen einen Erben (Berlin, Ullstein, 1932)
Es geht um Fanny (Leipzig, Rothbarth, 1933)
Alle für Einen! (Berlin, Zeitschriftenverl., 1934)
Wasserdroschke "Junge Liebe" (Berlin, Scherl, 1935)
Fahrlehrer auf Sommerwegen (Bern, Goldmann, 1935)
Das entzauberte Schiff (Berlin, Ullstein, 1935)
Kinderherz in Not (Leipzig, Rothbarth, 1936)
Gefahr um Bianca (Leipzig, Rothbarth, 1936)
Blenker spekuliert in Liebe (Leipzig, Rekord-Verl., 1936)
Mädchen, warum fährst du nach Berlin? (Berlin, Aufwärts-Verl., 1937)
Die Frau, die man übersah (Berlin, Aufwärts-Verl., 1937)
Der blonde Hans und seine kleine Jo (Dresden, Seyfert, 1937)
Liebe kleine Nell (Leipzig, Rothbarth, 1938)
Der Sohn der Ruvidarte (Leipzig, Janke, 1938)
Regina fährt nach Hoppegarten (Berlin, Deutscher Verl., 1939)
Es war die Himmelblaue (Berlin, Deutscher Verl., 1939)
Die große Liebe der kleinen Gissi (1939, 2 voll.)
Flucht in die Jugend (Leipzig, Lipsia-Verl., 1941)
Alle Liebe für Sybill (Leipzig, Lipsia-Verl., 1941)
Abenteuer in Algier (Dresden, Franz Müller, 1944)
Liebe kleine Nell (Lübeck, Antäus-Verl., 1948)
Das Lied der Manege (Berlin, Verl. Das Neue Berlin, 1953)
Das grosse Spiel um Michaela (Hannover, Lehning, 1953)
Ein Lächeln kehrt zurück (Papenburg, Goldring-Verl., 1956)

Tradotti in italiano:

La piccola Nelly (Tip. del Corriere della Sera, 1932, serie Il romanzo mensile)
Piccola, perche' vai a Berlino? [seguono sette novelle di vari autori] (Tip. Del Corriere Della Sera, 1933, serie Il romanzo mensile)
Greta vince il destino (Tip. del Corriere della Sera, 1934, serie Il romanzo mensile)
Bianca in pericolo (Tip. Corriere della sera, 1934, serie Il romanzo mensile,
copertina e disegni di Giorgio Tabet)
Seconde nozze
(Tip. del Coriere della Sera, 1938, serie Il romanzo mensile, copertina di G. Tabet, disegni di A. Terzi)
L'amore lontano (Salani, 1940)
Piegati, cuore superbo (Salani, 1940)
Chi ami tu? ... (Salani, 1941)


Fünf Millionen suchen einen Erben (1938)
La locandina del film, oggi riproposto in DVD (courtesy www.Amazon.com)
Un tipo alquanto bizzarro lascia in eredità cinque milioni ad un suo nipote, alla condizione che egli possa dimostrare di aver fatto un matrimonio felice. In caso contrario, i milioni saranno ereditati da un altro nipote il quale però dovrà rimanere scapolo.

Harald Baumgarten, Chi ami tu? (2 voll.),
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)
ill. di Alberto Micheli

Harald Baumgarten, Piegati, cuore superbo! (2 voll.),
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)
ill. di Gastone Rossini
(courtesy Elisabetta Filippetti)


Harald Baumgarten, L'amore lontano,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)
ill. di
Alberto Micheli

FILMOGRAFIA


Millionenerbschaft
(1937)
Dir. Arthur Maria Rabenalt, Starrring Friedl Czepa, Inge List, Alfred Abel

Autobus S (1937)
Dir. Heinz Hille, Starring Hermann Speelmans, Carsta Löck, Günther Lüders

Fünf Millionen suchen einen Erben (1938)
Dir. Carl Boese, starring Heinz Rühmann, Leny Marenbach, Vera von Langen

Schatten über St. Pauli (1938)
Dir. Fritz Kirchhoff, starring Marieluise Claudius, Gustav Knuth, Hellmuth Bergmann

Das große Abenteuer (1938)
Dir. Johannes Meyer, starring Maria Andergast, Albrecht Schoenhals,
Charlotte Susa

Oberarzt Dr. Solm (1955)
Dir. Paul May, starring Hans Söhnker, Sybil Werden, Antje Weisgerber

BEDENDO, MARIA PIA (1917-2001)

Maria Pia Bedendo nasce a Roma il 1° febbraio 1917 da Emilio, che proviene da una famiglia con origini tra Adria e Rovigo. (1)
Compie studi classici ed approfondisce da sé le materie che più l'appassionano, la storia, le lingue straniere, la geografia intesa come méta di possibili viaggi, viaggi che non compì mai con il corpo ma con la mente. Parla correntemente il francese e dapprima è la storia di Francia che la interessa, poi quella dell'Albania. Siamo negli anni Trenta e questa terra è di interesse nazionale, lei studia con impegno anche la lingua, oltre che la storia. Il Paese le ispira uno splendido romanzo storico, Lo scettro sulle onde, che Salani buonanima pubblicherà con il titolo di Amore azzurro allo scopo di vendere il testo nella collana per signorine dei Romanzi della Rosa. (2)
Per questo interesse per la storia e le vicende del suo tempo pensa addirittura di intraprendere la carriera diplomatica, e si iscrive alla facoltà di Scienze Politiche, ma non raggiunge la laurea. Per un certo periodo insegna religione, ma la sua passione è la scrittura: dotata di vero talento letterario, scrive altri 15 romanzi, tutti rimasti nel cassetto. Datano tutti a prima della Seconda Guerra Mondiale, quando cioè aveva tempo di scrivere. Dopo il tempo non l'avrà più: il 21 giugno 1947 sposa Giuseppe D'Angelo (1917-1992), ingegnere, nato a Roma ma di origini siciliane; dopo il servizio militare (espletato in guerra) viene assunto al Ministero delle Poste e Telecomunicazioni, dove sale tutti i gradini della scala aziendale fino ad occupare posti di alta dirigenza. Maria Pia si dedica alla famiglia: Antonella (n. 1948) e Maurizio (n. 1952). L'estate la passano a Viserba (Rimini), dove D'Angelo già andava fin da ragazzo. Conduce una vita regolare da casalinga borghese, semmai più colta delle sue conoscenti/amiche della sua stessa classe sociale e quindi spiritualmente più lontana da loro; con la mente sempre agli amati studi, trascorre un'esistenza serena. Non ha tuttavia la costanza di bussare alle porte degli editori e presentare i suoi manoscritti (forse Salani glieli rifiutò dopo i primi due), e così da quasi un secolo giace un buon numero di romanzi (manoscritti) tra i quali potrebbero esserci dei capolavori. Perché Maria Pia sicuramente sa come scrivere. Amore azzurro è un testo accattivante, pieno di pathos, scritto con profondo sentimento di italianità, che prende il lettore sin dalla prima pagina. L'azione si svolge a partire dall'assedio di Famagosta da parte dei Turchi e termina con la battaglia di Lepanto. LEGGI LA STORIA
Tra il 1959 e il 1960 collabora con l'editrice AMZ (il marchio De Agostini per la prima infanzia) riscrivendo per i più piccini alcune novelle e fiabe famose, ma poi cessa del tutto l'attività letteraria. Maria Pia Bedendo muore a Roma il 2 marzo 2001.


(1) Emilio Bedendo ha molti fratelli, uno emigrato in Argentina; oggi alcuni Bedendo sono stabiliti a Padova.
(2) A dire il vero il romanzo è pubblicato nei Grandi Romanzi Salani, collana che, pur avendo come target le fanciulle, comprende testi più spirituali, a volte appunto romanzi storici, lasciando i romanzi più sdolcinati e sentimentali alla Biblioteca delle Signorine.

La Redazione ringrazia Maurizio D'Angelo per le informazioni cortesemente fornite.

TITOLI

Amore azzurro (Salani, 1947, 1954 1955)
Fuochi sulle vette (Salani, 1955
Il brutto anatroccolo e Il soldatino di stagno (raccontate da Maria Pia Bedendo D'Angelo, ill. Willy Schermele, Bologna, Editr. AMZ, 1959)
Le novelle meravigliose di H. C. Andersen (presentazione di Maria Pia Bedendo D'Angelo, ill. G. Nidasio, C. Ruffinelli e W. Schermele, Milano, Editr. AMZ, 1959)
I cigni selvatici (Bologna, AMZ, 1960
)
La fiaba Il brutto anatroccolo (raccontata ai bimbi italiani da Maria Pia Bedendo D'Angelo, Bologna, Editr. AMZ, 1960)
La principessa sul pisello (raccontata ai bimbi italiani da Maria Pia Bedendo D'Angelo, Milano, Editr. AMZ, 1960)




M.P. Bedendo, Amore azzurro,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu),
ill. non firmata
(courtesy Elisabetta Filippetti)




Maria Pia Bedendo nel 2000
(courtesy
Maurizio D'Angelo)

BERG, AJA (1906-1986)

Pseudonimo di Wilhelm Muhrmann. Nasce il 23 novembre 1906 ad Iserlohn dove frequenta la Oberrealschule in cui consegue il diploma di scuola media. Frequenta poi l'Istituto Tecnico Commerciale di Iserlohn e porta a termine l'apprendistato in ambito commerciale. Fino al 1931 collabora all'interno dell'acciaieria dei suoi genitori ma si sente portato più per le lettere che per il lavoro in abito industriale.
Dal 1931 Wihlelm Muhrmann è redattore, per la città e per il distretto rurale di Iserlohn, presso il il giornale General Anzeiger für Dortmund Westfälische Landeszeitung Rote Erde, giornale della Westfalia nel tratto tra la regione del Niederrhein e di Wesel (definita Terra Rossa - Rote Erde nel Medioevo). Nel 1933 diviene direttore della principale agenzia di questo giornale ad Iserlohn. Nel 1930 entra a far parte del Partito Nazionalsocialista dei lavoratori tedeschi (NSDAP) di cui diviene direttore della propaganda e capo del distretto. Nel 1939 è direttore della redazione del quotidiano del distretto di Arnsberg. Dal 1941 è traduttore dall'olandese per i prigionieri di guerra dello Stammlager ad Hemer. Come giornalista in questo periodo utilizza la firma PK Muhrmann. Dal 1941 al 1945 è caporedattore del Deutschen Zeitung in Olanda (quotidiano creato e diffuso durante l'occupazione tedesca in Olanda, con sede ad Amsterdam). Dopo il 1945 Muhrmann collabora come scrittore e giornalista a diverse testate. Intorno al 1950 entra a far parte del Partito Liberale Democratico del quale è uno dei tanti caposezione (dal 1961 al 1971).

Pseudonimi: PK Muhrmann, Pit van Loon, Eberhard Muri, Wolfgang Förster, Jutta Steiner, Aja Berg, Alrun von Berneck, R.A. Dieschen, Arlette Antibes, Daisy Osterburg, Willein van Yzeren-Loon, Klaus Hansen, Monika Basse: con questi nomi pubblica oltre 100 romanzi per il grande pubblico, in genere gialli o romantici.
Wilhelm Muhrmann, che visse anche ad Amburgo, muore invece nella sua città natale, Iserlohn, il 27 marzo 1986.

(testo a cura di Giulia Filippetti)

TITOLI

Gisela und der Baron (1951, Pseudonym Jutta Steiner)
Vergib mir meine Schuld (1951, Jutta Steiner)
Baronesse Ina (1952, Jutta Steiner)
Laß mich nie mehr allein! (1952, Jutta Steiner)
Liebst Du auch die Richtige? (1952, Jutta Steiner)
Nein, einen Grafen will ich nicht! (1952, Jutta Steiner)
Olivia läßt sich nicht scheiden (1952, Jutta Steiner)
Peter, entscheide Dich! (1952, Jutta Steiner)
Wohin steuerst Du, Ulla? (1952, Jutta Steiner)
Auf Schloß Ahrenshofen (1953, Alrun von Berneck)
Die Zigeunerprinzessin (1953, Jutta Steiner)
Du mußt es ja wissen, Trixi! (1953, Alrun von Berneck)
Ich brauche Deine Liebe (1953, Jutta Steiner)
Ich will stets dein Beschützer sein (1953, Alrun von Berneck)
Nur der Tod kann uns scheiden (1953, Alrun von Berneck)
Warum hast du mich verlassen? (1953, Alrun von Berneck)
Das Burgfräulein von Rabenstein (1954, Alrun von Berneck)
Eine falsche Gräfin rächt sich (1954, Alrun von Berneck)
Mein Kind gebe ich niemals her (1954, Alrun von Berneck)
Nie werde ich den Tag vergessen (1954, Alrun von Berneck)
Tränen tun so weh (1954, Alrun von Berneck)

Aja Berg,
La terza volta,
ill. di Alberto Micheli

I Romanzi della Rosa Salani (cover rosa)
(courtesy Elisabetta Filippetti)
Aja Berg,
Incompresa,
ill. non firmata

I Romanzi della Rosa Salani (cover rosa)
(courtesy Lia Madorsky)

BOTTOME, PHYLLIS (1884-1963)

Nasce il 31 maggio 1884 a Rochester, Kent, da un pastore americano, il Rev. William MacDonald Bottome, e da madre inglese, Mary Leatham. Durante la Prima Guerra Mondiale è attiva, come molte sue conterranee, per il soccorso al Belgio. In Francia conosce Alban Ernan Forbes Dennis, che nel 1917 sposa a Parigi, un diplomatico che lavora sotto copertura, in realtà un agente dell'MI6. Abitano prima a Marsiglia e poi a Vienna, dove lei frequenta un corso di psicologia. Nel 1924 la coppia dà origine ad una scuola di lingue presso Kitzbühe, in Austria, frequentata anche da Ian Fleming (ma che coincidenza). Alla fine degli Anni Trenta si stabiliscono in Germania dove Phyllis Bottome riesce a fare una certa propaganda antinazista. Muore il 22 agosto 1963 a Londra.
Pubblica una trentina tra romanzi e racconti, ma anche saggi, biografie e resoconti. E' anche conferenziera. I suoi romanzi hanno un discreto successo, tanto che ben quattro danno origine ad alrtettanti film. Il romanzo del 1937 The Mortal Storm è un'anticipazione delle conseguenze del nazismo; la MGM ne trasse un film con James Stewart che venne proiettato per la prima volta nel 1940, in concomitanza con l'entrata delle truppe hitleriane a Parigi.

TITOLI

The Dark Tower (1916)
Kingfisher (1922)
The Perfect Wife (1924)
Strange Fruit: Stories (1928)
The Advances of Harriet (1933)
Private Worlds (1934)
The Mortal Storm (1937)
Danger Signal (1939)
Masks and Faces (1940)
The Heart of a Child (1942)
Innocence and Experience (1947)
Search for a Soul (1947)
The Goal (1962, autobiography)

Tradotti in italiano:

Mondi segreti (Salani, 1940)
Corsa alla vita (Periodici Mondadori, 1952)


Filmografia

1935: Private Worlds
starring Claudette Colbert, Charles Boyer, Joan Bennet; dir. Gregory la Cava


1938: The Mortal Storm
starring Margaret Sullavan, James Stewart; dir. Frank Borzage


1945: Danger Signal
starring Faye Emerson, Zachary Scott; dir. Robert Florey


1958: The Heart of a Child
starring Jean Anderson, Richard Williams, Donad Pleasence;
dir. Clive Donner


Phyllis Bottome, Mondi segreti,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. Alberto Micheli

Phyllis Bottome

BRADSHAW, NINA (n. 1893)

Nina Bradshaw e Maureen Heeley sono due pseudonimi usati da Marguerite Hills, prolifica autrice di romanzi sentimentali tra gli Anni Trenta e gli Anni Cinquanta (oltre 60 titoli, al ritmo di quattro all'anno). Fool's Weaving è l'unico titolo pubblicato conil suo vero nome, Marguerite Hills, tutti gli altri sono pubblicati con l'uno o l'altro dei due pseudonimi.

TITOLI

Wild Sanctuary (1933)
The Net Love Spread (1935)
Millionaire's Widow (1938)
The Way of the Huntress (1948)
Stern Sentinel (1956)




Nina Bradshaw,
Lo sai che t'amo?,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)
ill. non firmata
Nina Bradshaw,
Avrò un tesoro,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)
ill. non firmata

BRAUN, OTTO HANS (1879-1945)

Otto Hans Braun nasce il 13 dicembre 1879 a Halle (Saale) nell'Est della Germania. Nel 1906 sposa a Berlino Lucie Marie Schülke. Vive in quella che divenne Germania Est e vi muore in un lasso di tempo compreso tra il 1945 e il 1949.
Nel 1917 risulta sottotenente di riserva nella marina imperiale tedesca.
E' autore di qualche romanzo di genere avventuroso e/o poliziesco e sentimentale (frauen-roman/romanzi per signorine).


TITOLI

Zweimal verspielt, Lubeck 1938 e 1941.
La sua bibliografia ufficiale va dal 1935 (Der Bräutigam von Uebersee, Leipzig, Hans Müller, 1935) al 1942 (Zu treuen Händen, Wehnert, 1942)
Ein Mädel mit Herz, Dresden 1937, Spiel des Schicksals Dresden 1937 e Der Bräutigam von Uebersee, Leipgiz ,1935 furono pubblicati con lo pseudonimo Fritz Steinemann.


Tradotto in italiano un unico titolo:

Achtung, Terry, die grosse Chance (Scacco matto,
Salani, Biblioteca delle signorine, n° 60, 1939, 1947, 1954, 1956)




Otto Hans Braun,
Scacco matto,
I Romanzi della Rosa Salani (cover rosa),
ill. di Gastone Rossini
(courtesy E. Samarelli)

BRAUSEWETTER, ARTHUR (1864 - 1946)





A. Brausewetter, Nata per dominare,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. Alberto Micheli
(courtesy Elisabetta Filippetti)

BURNS, SHEILA (1892-1984)

Ursula Harvey Bloom nasce l'11 dicembre 1892 a Springfield, Chelmsford (Essex) da Mary Gardner e dal Reverendo James Harvey Bloom, Rettore di Castle Acre, di cui traccerà il ritratto nel romanzo biografico Parson Extraordinary. Nel romanzo The Rose of Norfolk tratteggerà invece la figura della nonna, Frances Graver (nata nel 1809), che era una zingara di sangue misto.
Inizia da bimba a scrivere (naturalmente legge moltissimo e ovviamente ama molto Dickens): bambina prodigio, produce un suo giornaletto all'età di 10 anni e suona il pianoforte tanto da prodursi nei cinema (come accompagnamento dal vivo durante le proiezioni del cinema muto). Abita con la famiglia a Stratford-upon-Avon, che è il soggetto del romanzo Rosemary for Stratford-upon-Avon. La madre tuttavia lascia il marito e con i due figli, Ursula e il fratellino Joscelyn, si trasferisce a St. Albans (Hertfordshire). Dopo pochi anni, nel 1916, Ursula sposa Arthur Brownlow Denham-Cookes (1890-1918), un ricco avvocato, Capitano nel 24° Battaglione del London Regiment, dal quale ha un figlio, Philip detto Pip. L'anno seguente il marito muore per le conseguenze dell'influenza detta spagnola, che decimò la popolazione europea.
Ursula rimane sola col bimbo nella bella casa di Frinton (una località esclusiva sul litorale, dove soggiornavano i benestanti negli anni Venti, un po' come a Deauville in Francia). Qui si dà al giornalismo mondano, poi conosce quello che diventa nel 1925 il suo secondo marito, Charles Gower Robinson, comandante della Royal Navy.
Coglie ogni occasione per scrivere: saggi, biografie resoconti, libri a soggetto religioso, di lavori femminili come il ricamo o la cucina, ma soprattutto romanzi. Usa diversi pseudonimi: Sheila Burns, Mary Essex, Rachel Harvey, Deborah Mann, Lozania Prole, Sara Sloane. Lavora anche alla BBC e la sua esperienza giornalistica viene raccontata in The Mightier Sword. Oltre a questa incessante attività, in cui è sicuramente dotata, tanto da scrivere un intero romanzo in tre settimane, trova il tempo per ricamare e cucinare, insomma, incarna il prototipo della brava mogliettina. E difatti il matrimonio resiste felicemente per 50 anni.
Negli anni Quaranta la famiglia vive a Malta, dove il marito è di stanza, e qui Ursula soffre di emicrania tanto da essere ricoverata in ospedale per lunghi periodi: anche questa esperienza troverà il suo racconto nel romanzo No Lady in Bed (1944) e la sua pratica ospedaliera le suggerirà l'ambientazione per numerosi romanzi pubblicati con lo pseudonimo di Sheila Burns e Rachel Harvey.
Complessivamente scrive 560 testi, il che la fa entrare nel Guinness Book of Records come la più prolifica autrice inglese, in diretta concorrenza con Barbara Cartland (che ne scrisse solo 395); la differenza tra le due è che la Cartland, che pubblica esclusivamente col proprio nome, ha un unico genere, quello rosa, che la rende famosissima, mentre Ursula Bloom coltiva generi diversi, affidati a diversi pseudonimi: come Mary Essex pubblica romanzi moderni, come Lozania Prole pubblica romanzi storici (come Our Dearest Emma (1949) sulla vita di Emma Hamilton). Con il suo vero nome pubblica commedie per il teatro e per la radio, i resoconti giornalistici, alcune biografie (come quella del duca di Windsor nel 1972), testi di vario genere e ben sette autobiografie.
Ursula Bloom muore il 29 ottobre 1984 in una casa di riposo a Nether Wallop (Hampshire) dove viveva dal 1980 dopo la morte del marito (1979).

TITOLI (come Sheila Burns)

Week-end bride
Rosebud and sturdust
The Cuckoo never weds
The Storm Bird
Adventure in romance
Tomorrow we marry
Air liner
The Chance Romance
Bride-Maybe
Doctor's Distress
Dr Irresistible, MD
The eyes of Doctor Karl
Romance and Nurse Margaret
The bells still ring
A surgeon's sweetheart
Theatre sister in love
When doctors love
The beauty surgeon
The beloved Man
Doctor called David
Doctor delightful
Dream awhile (Trad. Sposerò lei, Salani 1954 e 1957)


Sheila Burns, Sposerò lei
I Romanzi della Rosa Salani (cover rosa),
ill. di Ugo Signorini


Ursula Bloom (alias Sheila Burns)
The Age - Literary Supplement, March 20th, 1948


BREHM, BRUNO (1892-1974)





TITOLI

Der Sturm auf den Verlag (1925) a Vienna
Der lachende Gott (1928)
Susanne und Marie (1929)
Wir alle wollen zur Opernredoute (1930)
Ein Graf spielt Theater (1930)
Das gelbe Ahornblatt: Ein Leben in Geschichten (1931)
Apis und Este (1931)
Denksäulen aus Österreich (1932)
Das war das Ende (1932)
Weder Kaiser noch König (1933)
Vom Waffenstillstand zum Friedensdiktat (1934)
Heimat ist Arbeit (1934)
Die schrecklichen Pferde (1934)
Die größere Heimat (1934)
Britta (1934)
Zu früh und zu spät (1936)
Das wunderschöne Spiel (1936)
Wien (1937)
Soldatenbrevier (1937)
Die weiße Adlerfeder (1937)
Glückliches Österreich (1938)
Die Grenze mitten durch das Herz (1938)
Tag der Erfüllung (1939)
Eine deutsche Studentenbude in Prag (1939)
Der dümmste Sibiriak (1939)
Auf Wiedersehn, Susanne! (1939)
Weder Kaiser noch König (1940)
Über die Tapferkeit (1940)
Na shledanou, Zuzanko! (1940)
Im Großdeutschen Reiche (1940)
Die sanfte Gewalt (1940)
Der liebe Leser (1940)
Die schrecklichen Pferde (1941)
Deutsche Haltung vor Fremden (1941)
Das wunderschöne Spiel (1942)
Buch des Dankes (1942)
Männerscherze (1944)
Krieg und Kunst (1944)
Ein Schloß in Böhmen (1944)
Der Strohhalm [Berlin]: Oberkommando d. Wehrmacht/Awa/Abt. Inland (1944)
Das Erwachen des Brevadiers (1944)
Der fremde Gott (1948)
Schatten der Macht (1949)
Der Lügner (1949)
Ein Leben in Geschichten (1951)
Die Throne stürzen (1951)
Die vier Temperamente (1952)

Tradotti in italiano:

Se il tuo cuore non fosse impegnato
(Salani, 1943, 1948, 1950, 1953) nella Biblioteca delle Signorine al n°111
Arrivederci, Susanna (Baldini & Castoldi, 1945)
Così cominciò la guerra (Edizioni Minerva, 1945)


Bruno Brehm, Se il tuo cuore non fosse impegnato,
I Romanzi della Rosa Salani (cover rosa),
ill. di Alberto Micheli

Bruno Brehm,
Arrivederci, Susanna,
Baldini & Castoldi, 1945
ill. di Nardini

Bruno Brehm,
Così cominciò la guerra,
Edizioni Minerva, 1945

Bruno Brehm
(photo: courtesy Wolf Oschlies
Zukunft-Braucht-Erinnerung - November 5th, 2006)

COOK ELIOT, ETHEL (1890-1972)

Ethel Cook nasce a Pittsfield, Massachusetts, da Cornelius C. Cook (1852-1929) e Carrie Holton (1857-1933), nata a Bennington, Vermont. Cornelius Cook è un ministro del culto presbiteriano dal 1878 al 1898, dopo di che esercita nel ramo delle assicurazioni, e lui e la moglie divengono Christian Scientists. Hanno cinque figli di cui Ethel è la quarta. Sposa Samuel Atkins Eliot, Jr, che fa parte di una famiglia di letterati (l
ontano parente è T.S. Eliot). Il nonno di Sam, Charles William Eliot (1834-1926) nato a Boston, Massachusetts, è il 22° Presidente della Harvard University, carica che detiene per ben cinquant'anni; il padre, Samuel Atkins Eliot (1862-1950), è un ministro del culto Unitario. Samuel Atkins Eliot, Jr, (nato nel 1893 a Denver, Colorado) è direttore del teatro Americano e insegnante di recitazione; studia ad Harvard, nel 1914-15 è a New York come manager teatrale poi diventa assistente di inglese allo Smith College dove infine insegna teatro fino alla pensione nel 1961; publica una raccolta teatrale dal titolo Little Theater Classics (3 vols, 1918-1921). Ethel e Sam hanno tre figli: Frances Torka Eliot (1916-1996); Alexander Eliot (1919-2015); and Patience Anne Eliot (1930-2011). La famiglia torna a vivere nel Massachusetts, a Northampton.
Anche da parte della sua famiglia di origine vi sono tradizioni letterarie: la nonna
Mary Trimble, di origine scozzese-irlandese, è nota in famiglia per essere una brava narratrice, e probabilmente Ethel eredita da lei questo talento; anche il padre Cornelius scrive occasionalmente poesie di ispirazione religiosa che vengono pubblicate nei giornali locali. Ethel tutavia è l'unica della famiglia a pubblicare romanzi. Fratelli e sorelle fanno tutt'altro: Velma studia fashion design, Maurice è avvocato, Harold è insegnante di letteratura francese all'Università di New York ed Helen è designer d'interni. Due dei figli di Ethel seguono invece le sue orme: Alex pubblica diversi romanzi e lavori letterari, e Patience Anne pubblica diversi libri per bambini e romanzi con il nome di Anne Eliot Crompton. La figlia di Alex, Winslow Eliot, è oggi un'affermata e nota scrittrice.

Ethel Cook Eliot scrive deliziose storie per bambini a vent'anni e mystery stories per adolescenti a trenta. Uno di suoi titoli più popolari è The Wind Boy (1923), un classico tema di amicizia e coraggio, protagonisti due bimbi che scoprono come passare attraverso il mondo visibile per arrivare a Clear Land, sorta di paese modello dove gli adulti sono più comprensivi, l'amicizia è pi
ù facile e imparare è piacevole. A quarant'anni Ethel scrive romanzi per adulti dove tratta argomenti spirituali e morali, e dove indaga i misteri del cuore e della mente dei personaggi, sempre interessanti per l'intreccio delle relazioni. Il primo di questi romanzi è
Ariel Dances (1931) seguito da Green Doors (1933). Ethel a quest'epoca è convertita al cattolicesimo e nel romanzo Her Soul to Keep (1933) una madre, Lucia, prende le parti della figlia Jane e la difende nella sua gravidanza illegittima, contro le aspettative della società che la vorrebbero vedere mandata lontano dove potrebbe dare in adozione il piccolo e tornare come se fosse stata in gita di piacere; Lucia vive in una piccola città dove il pettegolezzo è facile, ma si sforza di vivere secondo i suoi valori spirituali e la fede in Dio. Dopo scrive altri due romanzi: Angel's Mirth (1936), che tratta delle emozioni di una giovane lasciata per un'estate con degli estranei, e Roses for Mexico (1946), che racconta la storia miracolosa di Juan Diego, un povero contadino che costruisce una chiesa intitolata a Nuestra Señora de Guadalupe. Il titolo viene subito acclamato come un classico della letteratura religiosa per la presentazione lirica della leggenda.
Per molti anni i titoli di Ethel Cook Eliot non sono stati in commercio, ma di recente si è verificato un rinnovato interesse per la sua opera e alcuni titoli vengono ristampati, soprattutto quelli per bambini. In Italia è stato tradotto un unico titolo, Her Soul to Keep, pubblicato da Salani nel 1940 con il titolo La Grande Offerta.

TITOLI

Per bambini:

The House Above the Trees (1921)
The Little House in the Fairy Wood (1921)
The House on the Hedge of Things (1923)

The Wind Boy (1923)
The Vanishing Comrade (1924)
The Little Black Coal (1925)
Fireweed (1925)
Waul and Dyke (1926)
Storey Manor (1927)
The Gay Mystery (1931)

Per adulti:

Ariel Dances (1931)
Green Doors (1933)
Her Soul to Keep (1935) tradotto La grande offerta, Salani 1938
Angel's Mirth (1937)
Roses for Mexico (1946)

La Redazione ringrazia Winslow Eliot e Carrie Crompton per le informazioni cortesemente fornite.
The above information have been kindly furnished by Winslow Eliot and Carrie Crompton.




Ethel Cook Eliot, La grande offerta,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. Alberto Micheli
(courtesy Elisabetta Filippetti)



Ethel Cook Eliot, The House Above the Trees,
Paperback, ristampa 2003,
cover di Anne Anderson ripresa dall'originale del 1921

(An orphan girl child is rejected by the human world and undertakes a journey through a magical forest. A wonderful fantasy written first published in 1921. The illustrations include line drawings along with five color plates from Anne Anderson).


Sin.: Ethel Cook Eliot nel 1923, dx: in un ritratto del 1930
(courtesy Carrie Crompton)
all rights reserved

COSTANZI MASI, EUGENIA (1877 - n.d.)

Eugenia Masi nasce ad Ancona il 23 novembre 1877 da padre marchigiano e madre di origine polacca. Compie gli studi liceali e universitari a Firenze; collabora al Giornale dei Fanciulli diretto all'epoca da Achille Tedeschi a soli 13 anni con lo pseudonimo di ZEA MAIS. Sposa Alberto Costanzi dopo il 1902. Pubblica Le novelle di Valerio (dal nome del figlio) in un'edizione di lusso illustrata da Eduardo Ximenes.

TITOLI

Giacomo Costantino Beltrami e le sue esplorazioni in America (1902)
Io credo che tu esageri (Cappelli e Salani, 1928)
Velocità ridotta (1940)

Traduce per Salani 5 romanzi di Berta Ruck
:
Il ponte di baci / Signore e Signora? / Se ti sposerai... / La fidanzata ufficiale / Le lettere d'amore di Rosamund Fayre (titoli derivati dal titolo originale: Salani li pubblicherà diversamente)

Eugenia Costanzi Masi




Eugenia Costanzi Masi,
Velocità ridotta,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa),
ill. di Fiorenzo Faorzi
CSATHO, KALMAN (1881-1964)



TITOLI

Pensa solo alla tua pipa, Ladanyi! (Milano, Corbaccio, 1929)
Quando gli orologi cominciano a suonare (Treves, 1937),
Quando gli orologi cominciano a suonare (Garzanti, 1941)
Prima classe (Caregaro, 1945)
Il cielo non è sempre grigio (Salani, 1955)


Filmografia

1934 È arrivato l'amore (play)
1936 Pókháló (novel)
1937 Az én lányom nem olyan (play)
1938 Te csak pipálj Ladányi (novel)
1938 Varjú a toronyórán (novel)
1939 Füszer és csemege (movie)
1940 Meine Tochter tut das nicht (play)
1942 Szakítani nehéz dolog (screenplay)




Csatho, Kalman
Il cielo non è sempre grigio,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa),
ill. non firmata

N.B. Salani, come altri, non capì che in unghrese il cognome precede il nome, e sulla copertina l'autore risulta C. Kalman come se fosse quest'ultimo il cognome, ma è un errore: il cognome è Csatho e Kalman il nome proprio.

DA PERSICO, ELENA (1869-1948)

Nasce a Verona il 17 luglio 1869, primogenita del conte Carlo da Persico e Maria Barbara Gravellona. Compie normali studi, prima a Verona poi a Milano presso le Orsoline, e consegue il diploma di maestra elementare; in seguito si perfeziona nelle lingue straniere e nel 1891 consegue il diploma di lingua francese. L'anno dopo muore il padre e un po' per necessità inizia a collaborare al alcune testate tra le quali il Azione Muliebre - periodico mensile delle donne cattoliche, di cui poi sarà direttore.
Donna del suo tempo, si interessa fattivamente per la protezione della donna e dei suoi diritti, si intende quelli delle classi lavoratrici, all'epoca sottopagate e sfruttate. E' patronessa onoraria del "Mutuo Soccorso" per le giovani. Si iscrive al partito popolare di Don Luigi Sturzo e diviene una sorta di militante ante litteram, tenendo presente che la sua posizione non è affatto femminista, caso mai è cattolicamente legata alla concezione della donna come "angelo del focolare", tuttavia si occupa di patronati e unioni professionali, istituzioni importanti socialmente in un'epoca in cui mancano gli interventi pubblici. Fa parte dell'Unione Donne Cattoliche Italiane. Ha una sorta di vocazione religiosa ma non entra in un ordine, preferisce essere attiva nel mondo, dove serve; vede la necessità di dar vita ad una istituzione di anime votate all'apostolato e fonda così l'istituzione "Figlie della Regina degli Apostoli", che si occupa di sostenere le donne di ogni condizione sociale. Pur nel suo conformismo, esorta nel 1946 tutte le donne a recarsi alle urne. Viene ella stessa eletta nel Consiglio Comunale di Affi,
dove muore il 15 luglio 1948. Il suo impegno nel sociale e nella politica ha dato vita alla "Fondazione Elena Da Persico" (presso Villa Elena ad Affi). Il processo per la sua beatificazione si è aperto nel 1969; Papa Francesco l'ha dichiarata Venerabile nel 2014.

Fonti:

A. Rossetti, Una vita apostolica: profilo della contessa Elena da Persico di Verona, Scuola Tip. Nigrizia, 1954
M. Ricci Curbastro, Elena da Persico operaia di Cristo, Scuola Tip. Nigrizia, 1956
A. Passoni, Elena da Persico una donna nella storia, AVE, 1991
D. Castenetto, Elena da Persico una intuizione spirituale, Centro Ambrosiano, 2006
www.santiebeati.it
www.villaelenadapersico.it

TITOLI

Nobili poveri, poveri Nobili! (Milano, Agnelli, 1900)
S. Antonio da Padova: Vita, miracoli, culto e devozioni (Milano, Tip. S. Lega Eucaristica, 1901)
Il ritratto della Madre (dramma in cinque atti, Roma, Tip. Salesiana, 1906)
Santa Lucia (dramma in quattro atti, Roma, Tip. Salesiana, 1906)
Attraverso le tenebre (Milano, Agnelli, 1907) Carola da Sabbioneta
La questione femminile in Italia e il Dovere della donna cattolica (Lezione letta nella settimana sociale di Brescia, settembre 1908, Siena, Tip. S. Bernardino, 1909)
Emigrate (dramma storico in tre atti, del principio della Guerra europea. Per Sole Donne. Roma, Libr. Salesiana, 1916)
Moda e carattere femminile (conferenza tenuta in Genova il 9 febbraio 1916, Torino, Libr. del sacro cuore, G.B. Berutti, 1916)
Civiltà latina e civiltà cristiana (conferenza, Torino, Libr. del S. Cuore, G. B. Berruti, 1917)
Per la nostra stampa (conferenza tenuta a Modena il 7 aprile 1919, Modena, Tip. L. Dondi, 1919)
Letteratura filellenica italiana, 1787-1870 (Roma, Tip. Bondì e C., 1920)
Nella via ardua (Milano, R. Ghirlanda, 1923)
Vita villica: Novelle (Mantova, Libr. Ed. A. Begnozzi, 1923)
Attraverso le tenebre (Milano, G. Agnelli, 1927)
Nella tormenta (Milano, Ghirlanda, 1939)
Le assenti (Trento, Artigianelli, 1941)
Il messaggio materno (Firenze, Salani, 1944)
La figura sul monte (Mantova, Gruppo Buona Stampa,1946)



Elena da Persico,
Il messaggio materno,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa),
ill. non firmata
(courtesy Lia Madorsky)


Liviana Gazzetta, Elena da Persico, Cierre, 2005
in copertina una foto risalente ai primi del Novecento

DEEPING, GEORGE WARWICK (1877-1950)

Nasce il 28 May 1877 a Southend-on-Sea, Essex, da una famiglia di medici per tradizione. Studia alla Merchant Taylors' School e successivamente al noto Trinity College di Cambridge. Studia poi medicina e scienze e si laurea nel 1902. Il tirocinio lo fa al Middlesex Hospital. Durante la Prima Guerra Mondiale è medico militare, ma poi abbandona la medicina per darsi alle belle lettere, uno dei più letti autori inglesi negli anni Venti e Trenta.
Sposa Phyllis Maude Merrill e insieme vanno a vivere nel Surrey, a Weybridge.
Autore di romanzi, pubblica anche racconti su riviste come Cassell's, The Story-Teller, The Strand, e su riviste americane come The Saturday Evening Post e Adventure. Oltre 200 dei suoi racconti non sono mai stati pubblicati in volume. Dei romanzi (una settantina), il suo titolo più famoso è Sorrell and Son (1925).
Muore il 20 aprile 1950.

TITOLI


Uther and Igraine (1903)

Love Among the Ruins (1904)
A Woman's War, 1907
The Return of the Petticoat (1909)
Sincerity (1912)
The White Gate (1913)
The Secret Sanctuary (1923)
Sorrell and Son (1925)
Roper's Row (1929)
The Woman at the Door (1937)
The Dark House (1941)
The Impudence of Youth (1946)
Paradise Place (1949)

Tradotti in italiano:

La pazzia di Barbara (Salani, 1910) ristampato nei Romanzi della Rosa 1961
Sorrell e figlio (Salani, 1930)
Finimondo (Salani, 1931)
Il vicolo del funaio (Salani, 1931)
Così è la vita (Salani, 1931) ristampato nei Grandi Romanzi Salani 1955
Il vecchio Pybus (Salani, 1934)
Due pecore nere (Salani, 1934)
Oltre le tenebre (Salani, 1938) ristampato nei Grandi Romanzi Salani 1953
Il santuario segreto (Martello, 1947)
Sincerità (Martello, 1947)



W. Deeping, Il vicolo del funaio,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)

ill.
non firmata
W. Deeping, Così è la vita,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)

ill. di Alberto Micheli
(courtesy Laboratorio Arti Visive Salani)

Warwick Deeping
(source photo: wikisource)

De ICAZA, CARMEN (1899-1979)

Carmen de Icaza y de León, VIII Baronessa de Claret, nasce a Madrid il 17 maggio 1899, seconda figlia del poeta Francisco Asís de Icaza e doña Beña y Beatriz de León y Loynaz. Il padre è messicano e a Madrid è Ambasciatore, la madre appartiene ad una famiglia marchionale spagnola. I figli sono sei: Beatriz, Carmen, Ana María, Francisco, María Luz e María Sonsoles. Destinato il padre a Berlino, qui Carmen studia lingue e letteratura classica. Nel 1930 sposa Pedro Montojo Sureda dal quale nel 1932 ha la figlia Paloma. Nel 1935 lancia una campagna a favore delle vedove disagiate e dei bambini invalidi a causa della guerra civile, e durante la stessa partecipa ad un'organizzazione di aiuti. Il marito muore nel 1978 e lei, a Madrid, il 16 marzo del 1979.
Pubblica una decina di romanzi sentimentali che in patria riscuotono un discreto successo (nel 1945 viene eletta "autore più letto dell'anno"). Debutta nel 1935 con La boda del Duque Kurt
con lo pseudonimo Valeria de León, ma poi usa il suo vero nome. Il secondo titolo, che è anche il più famoso, Cristina de Guzmán, profesora de idiomas, appare sulla rivista Blanco y Negro e dopo la guerra diviene una commedia radiofonica assai popolare.

TITOLI

Cristina Guzmán, profesora de idiomas (1936)
Quién sabe...! (1939)
Soñar la vida (1941)
Vestida de tul (1942)
El tiempo vuelve (1945)
La fuente enterrada (1947)
Yo, la Reina (1950)
Las horas contadas (1953)
La casa de enfrente (1960



Carmen de Icaza


C. de Icaza,
Cristina Guzmàn,
professoressa di lingue
,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)
ill. di Giorgio Tabet
C. de Icaza,
Sogno sul Bosforo,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)
ill. non firmata


Filmografia


Cristina Guzmán (1943), protagonisti Marta Santaolalla,
Ismael Merlo, Luis García Ortega

Cristina Guzmán
(1968), protagonisti Rocío Durcal,
Arturo Fernández, Emilio Gutiérrez Caba.

La fuente enterrada (1950) nematográficamente
DE KEYSER, EDOUARD (1883-1974)



TITOLI:

Les diamants de Murat
Le papyrus
Le testament mystérieux
Sous les pommiers fleuris
La confession pendant la valse
Vacances a Frabosa
Caprice de Lady
Le Comte Ramanès
Douce Etoile
Martin à l'oeuvre
Le Saule Pleureur
Willem le B
tard (Grand Roman Historique)
Dunkerquois
Rialto
Pquerette
Sous la Ramure

Tradotti in italiano:


La chanson de Vienne (La canzone del Danubio, Salani, 1939 e 1947,nei Grandi romanzi Salani n°98)
Le sortilège de Venise (Il sortilegio di Venezia, Spada, s.d.)
Danielle de Crefaille (Il dramma di una notte, Salani, 1953, nella Biblioteca delle Signorine n°168)
Le coeur de Gratienne (L'agguato è pronto, Salani, 1954 nella Biblioteca delle Signorine n°158)
L'aviatrice (Un amore a Sumatra (Salani, 1954, nella Biblioteca delle Signorine n°173), riproposto come La vittoria dell'amore (1982)
nella collana Oggi, domani


E. De Keyser,
La canzone del Danubio,

(Romanzi della Rosa,
cover blu)

ill. di Gastone Rossini
E. De Keyser,
Un amore a Sumatra,

(Romanzi della Rosa,
cover rosa)

ill. di Ugo Signorini

DHAEL, PIETRO (1884-1937)

Pierre Dhaël sarebbe lo pseudonimo di Henriette (1884-1937) (1), Mme Henri Gibert, scrittrice francese di novellette sentimentali attiva negli anni Trenta. Pubblicata in collezioni tascabili a poco prezzo il suo principale editore fu Tallandier. Nel catalogo della BNF al nome Pierre Dhaël si trovano tredici prime edizioni dal 1936 al 1954.
Secondo gli archivi della Société des Gens de Lettres, Pierre Dhaël è invece lo pseudonimo di Henri Gibert (1874? -1943) (2) socio aderente fin da un improbabile 1896. Per poterlo diventare Gibert avrebbe già dovuto pubblicare e depositare alla BNF almeno quattro libri di cui non esistono tracce. Inoltre Gibert con tutti i suoi pseudonimi diventa attivo nel 1932, cioè 36 anni dopo la sua iscrizione!
In ogni caso, nel 1931, Henri o Henriette sono sicuramente soci della Société des Gens de Lettres poiché oltre a Pierre Dhaël, alla SDGL sono depositati gli pseudonimi (usati da Henri) Pierre Lavaur e Claude Syrvall. Altri pseudonimi di Henri sono: Paul/Pol Ternoise(autore prolifico di polizieschi), Jocelyne, Gille Cordouan, William Karliston (come "traduttore" di William Karliston, autore inesistente) riportati nei cataloghi dei copyrights. Inoltre il Catalogue of Copyrights 1938 riporta Pierre Dhaël (per L'Honneur avant) come pseudonimo di Henri Gibert. Un altro pseudonimo, Paul de Calonges, non è confermato.
Dopo le rispettive presunte morti dei coniugi Gibert, appaiono nuovi romanzi a nome Dhaël (Mon Genêt d'or /Pierre Dhaël, feuilleton in La Liberté 1947 in volume, Tallandier 1949), Jocelyne ("Les Bonnes Soirées": Des mots d'amour, 1947 e La Rose des sables, 1948 ) e Lavaur (Les Bonnes Soirées: Dites-moi tout/Pierre Lavaur, 1947), e in riviste canadesi (es. "Action Catholique"). Se le date di morte dei coniugi Gibert sono corrette, resta da presumere che questi titoli siano "manoscritti rimasti nel cassetto" degli editori, recuperati dopo la guerra.
Il romanzo più popolare di Dhaël sembra sia stato Les Ailes brisées, romanzo d'amore pubblicato a puntate in Les Veillées des Chaumières nel 1936 e in volume presso Gautier Languereau, 1937; e infine in Le Confédéré giornale di Martigny (Valais, Svizzera) in versione feuilleton nel marzo 1955. E' l'unico titolo di questo autore che Salani pubblicò nel 1939 come Le ali infrante, Biblioteca delle Signorine n° 78.
Per amore di cronaca citiamo anche Pierre Gibert (18…- 19…) [anche lui pseud. Paul Ternoise (3)] commediografo, autore di commediole e monologhi dal 1934 al 1949 in collaborazione con Albert Verse, e due romanzi: Les Naufragés de l'oued tragique, Tallandier 1931 e Coeurs torturés, Tallandier 1933. Se Pierre Gibert non è un congiunto di Henri, potrebbe essere un ennesimo pseudonimo di Henri/Henriette.

(1) Biblioteca Nazionale del Canada
(2) SDGL
(3) BNF

Testo e ricerca di Anna Levi, gennaio 2016.

 


Pietro Dhael, Le ali infrante,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa),
ill. di Gastone Rossini
(courtesy Elisabetta Filippetti)

Pierre Dhael, Les ailes brisées,
pubblicato a puntate su Les Veillées des Chaumières
, Gautier & Languereau, 1936


DIETRICH, BEATRIX (1898-1947)

Pseudonimo di Olga Elisabet Heymann.







TITOLI:

Hella setzt sich durch (1934)
Liebe unter Wolkenkratzern (1935)
Die Sehnsucht nach dem großen Glück (1935)
Leb wohl, Jonny! (1936)
Ein Herz fährt Karussell (1936)
Das unruhige Herz (1936)
Ausflug ins Glück (1937)
Über plastischen Ersatz des Seitenbandes beim Wackelknie (1942)
Fräulein Doktor (1958)
Zwischen Liebe und Ruhm (1959)




Beatrice Dietrich,
Cuore inquieto
,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)

ill. di Alberto Micheli
Beatrice Dietrich,
Gabj non è gelosa
,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)

ill. non firmata
di Lionello Neppi
(courtesy E. Samarelli)

DROZE, CLAIRE e LINE



BIOGRAFIA IN
BIBLIOTHEQUE DE SUZETTE
TITLES & AUTHORS 2


TITOLI

E' tornata primavera

Salani pubblica solo questo titolo, ristampato più volte (1941, 1942, 1943, 1948, 1954 e 1956)


Claire e Line Droze
E' tornata primavera

I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Alberto Micheli
Claire e Line Droze
E' tornata primavera

I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Ugo Signorini

EDSCHMID, CASIMIRO (1890-1966)

Pseudonimo di Eduard Schmid.



TITOLI

Bilder lyrische Projektionen (1913)
Die sechs Mundungen (novellen, 1915)
Das rasende Leben: zwei Novellen (1916)
Timur (novellen, 1916)
Die Fürstin (mit sechs Radierungen von Max Beckmann, 1918)
Die doppelköpfige Nymphe (aufsätze über die Literatur und die Gegenwart, 1920
Frans Masereel (1920)
Die Fürstin (1920)
Die neue Frau (1927)
Feine Leute, oder Die Grossen dieser Erde (1931)
Deutsches Schicksal (1932)
Der liebensengel (1944) tradotto da Salani come
Un cuore del nord.

Kasimir Edschmid


C. Edschmid, Un cuore del nord,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)
ill. non firmata
(courtesy Elisabetta Filippetti)



FAIRLIE, GERARD (1899-1983)

Nasce nell'elegante quartiere di Kensington a Londra il 1° novembre 1899 e proviene da famiglia benestante, come si evince dal curriculum: prima la Downside School (nel Somerset) e successivamente è interno al famoso Royal Military College di Sandhurst da cui passa al servizio delle Scots Guards. E' campione di boxe nei concorsi militari e fa parte della squadra inglese di bobsleigh nei campionati che si tennero in Francia nel 1924.
Nel 1923 sposa Joan Roskell e inizia a scrivere, dapprima come giornalista e sceneggiatore, poi come autore. Il suo genere è quello preponderante negli anni Trenta: giallo/noir, poliziesco. E' amico fraterno di un altro autore inglese, Herman Cyril McNeile, (28/9/1888-14/8/1937) che pubblica con lo pseudonimo di Sapper, poiché in quanto in forza all'esercito britannico non gli era permesso di pubblicare con il proprio nome. Sapper scrive novelle, che vengono pubblicate sul Daily Mail, basate sulle sue esperienze durante la Prima Guerra Mondiale; ma i testi che hanno maggior successo sono i polizieschi che pubblica a partire dal 1920 con il personaggio principale di Bulldog Drummond, investigatore gentiluomo, basato su se stesso e sul suo amico Gerard Fairlie. Sapper scrisse dieci romanzi da cui furono tratti tre commedie e una sceneggiatura per lo schermo. Nel 1937 Sapper muore per cancro alla gola, attribuito ai danni postumi di un attacco durante la guerra a base di gas: Fairlie allora prosegue la serie di Bulldog Drummond, pubblicando a sua volta altri sette titoli. Muore a East Lavington il 31 marzo 1983.


TITOLI

Serie Malcolm:
Shot in the Dark (1932)
Men for Counters (1933)
Mr. Malcolm Presents (1934)

Serie Drummond:
Bulldog Drummond on Dartmoor (1938)
Bulldog Drummond Attacks (1939)
Captain Bulldog Drummond (1945)
Bulldog Drummond Stands Fast (1947)
Hands Off Bulldog Drummond (1949)
Calling Bulldog Drummond (1951)
The Return of the Black Gang (1954)

Serie Johnny Macall:
Winner Take All (1953)
No Sleep for Macall (1955)
Deadline for Macall (1956)
Double The Bluff (1959)
Macall Gets Curious (1959)
Please Kill My Cousin (1961)

Fuori serie:
Scissors cut paper (London, 1927)
The man who laughed (London, 1928)
The exquisite lady (London, 1929)
The muster of the vultures (London, 1929)
Suspect (London, 1930)
The man with talent (London, 1931)
Unfair lady (London, 1931)
Birds of prey (London, 1932)
The rope which hangs (London, 1932)
The Treasure Nets (London, 1933)
That man returns (London, 1934)
Copper at sea (London, 1934)
Moral holiday (London, 1936)
The pianist shoots first (London, 1938)
Approach to happiness (London, 1939) tradotto da Salani Verso la felicità

Tradotti in italiano:

Il segreto nella Perla (Sonzogno, 1939, con 8 illustrazioni di Domenico Natoli)
Verso la felicità (Salani, 1953)
La casa sul Tamigi (Roma, Ed. Gialli del secolo, 1958)



Gerard Fairlie,
Verso la felicità
,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa),
ill. non firmata




Gerard Fairlie,
With Prejudice - Almost an Autobiography
London, 1952
in copertina la foto dell'Autore

FERRERO, FLORA



BIOGRAFIA

LA FAMIGLIA FERRERO

F. Ferrero, Cuore di diciott'anni,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa),
ill. non firmata di Lionello Neppi
(courtesy Lia Madorsky)

GIACHETTI, CIPRIANO (1877-1951)









TITOLI

La fantasia: studii psicologici (Torino, Bocca, 1912)
La bugia patologica e costituzionale: relazione letta e discussa al Circolo di studi psicologici di Firenze nella seduta del 18 maggio 1913 dedicata alla bugia (Bologna, Stab. Poligrafico Emiliano, 1913)
La medicina dello spirito: principi di psicoterapia razionale (Milano, Hoepli, 1913)
Notti d'agosto: Melodia per canto e piano, musica di
Riccardo Zandonai, v ersi di Cipriano Giachetti (Firenze: V. Petrelli, 1913)
Civiltà francese e civiltà germanica (Roma, Athenaeum, 1915)
I caratteri e la guerra (Bologna, Stab. Poligrafici Riuniti, 1916)
Ragazzate (
Bemporad, 1919, illustrazioni di Mussino) nella Biblioteca Bemporad per i Ragazzi
Fascismo liberatore: storia, biografie, profili; con 175 ritratti disegnati da Brivido (Bemporad, 1922)
L'uomo in catene (Vallecchi, 1926)
Doretta e l'illustre zio (Cappelli, 1931)
Le volpi e le galline: commedia brillantissima in 3 atti (Firenze, Stab. Graf. Commerciale, 1931)
Un uomo pacifico: commedia in tre atti (Firenze, Ed. Teatro nostro, stampa 1933)
La tabacchiera dell'imperatore (Mondadori, 1935) ristampato da Salani, 1940
Bianca Cappello: la leggenda e la storia (Bemporad, 1936)
Viaggio nel paese della fortuna
(Firenze, Scena illustrata, 1938, illustrazioni di Walter Molino, copertina di Lucio Venna)
La principessa senza nome: romanzo d'avventure (Milano, Corriere della sera, 1939)
Amori e congiure alla Corte dei Medici (Firenze, Nerbini, 1943)
Cuori giovani (Firenze, Nerbini, 1944)
Le parole non contano (Salani, 1944)
Il talismano (Milano, Tip. del Corriere della Sera, 1944)
La vera storia di Bertoldo: romanzo per ragazzi (Firenze, C. Cya, 1947,
illustrazioni di Costanzo)

Articoli:

L'ultimo rifugio di un'imperatrice in La lettura: Rivista mensile del Corriere della Sera (1919)
I pittori che dipinsero se' stessi in La lettura: Rivista mensile del Corriere della Sera (1925)
Firenze: gli indigeni, i forestieri, le signore, in La lettura: Rivista mensile del Corriere della Sera (1931)
Firenze e la sua stagione in La lettura: Rivista mensile del Corriere della Sera (1931)
Acque D'Arno e acque di fontane in La lettura: Rivista mensile del Corriere della Sera (1933)



Cipriano Giachetti, Le parole non contano,
I romanzi della rosa Salani (cover blu)
ill. non firmata
di Lionello Neppi
(courtesy Lia Madorsky)



Collezione del Teatro comico e drammatico, Nemi
(1927-1939)
Cipriano Giachetti,
La principessa senza nome
,
Nerbini, 1943
La maggior parte dei volumetti è stata pubblicata negli anni 1932-1933

HOCKING, ANNE (1890-1966)

Mona Naomi Anne Hocking è figlia d'arte: il padre Joseph è scrittore, come il fratello e la sorella, e le due sorelle di Anne, Elizabeth e Joan, sono pure scrittrici. Nasce a Londra, dove passa gran parte della vita. Sposa A. Messer e firma qualche titolo come Mona Messer, ma la maggioranza dei titoli sono firmati Anne Hocking. E' prolifica autrice di romanzi gialli, molti con protagonista il Chief Superintendent William Austen. Solo uno, The Wicked Flee (1940) diviene un film nel 1957.
Muore a Wokingham (Berkshire) il 20 marzo 1966.

TITOLI

Death duel (1933)
Cat's paw (1933)
The end of the lane (1933)
A dinner of herbs (1933)
Wife of Richard (1934)
Playing Providence (1934)
Walk into my parlour (1934)
The Hunt is up (1935)
Without the option (1935)
Cuckoo's Brood (1935)
Life owes me something (1936)
Stranglehold (1936)
Tomorrow also (1937)
What a tangled web (1937)
Marriage is like that (1938)
Ill deeds done (1938)
The little victims play (1938)
Old Mrs Fitgerald (1939)
Strangers vineyard (1939)
The gift of a daughter (1940)
The wicked flee (1940
Miss Milverton (1941)
Night's Candles (1941)
One shall be taken (1942)
Nile Green (1943)
Six green bottles (1943)
The vultures gather (1945)
Death at the Wedding (1946)
Prussian Blu (1947)
At "The Cedars" (1949)
Death disturbes Mr Jefferson (1951)
The best laid plans (1952)
And no one wept (1954)
Poison in Paradise (1955)
The simple way of poison (1957)

Tradotti in italiano:

Delitto perfetto (Milano, C. Brighenti, 1949)
Avventura sul lago (Salani, 1950 e 1952)



Filmografia

The Surgeon's Knife (1957)
Dir. Gordon Parry, starring Donald Houston, Adrienne Corri, Lyndon Brook



Anne Hocking,
Avventura sul lago
,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa),
ill. non firmata





Anne Hocking

LARY, CIA (1920-2016)



Cia Lary, Il serpente di Giada,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)

ill. non firmata

Cia Lary,
E c'eran tre donzelle ...,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Giorgio Tabet
Cia Lary,
I sette paladini
,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Giorgio Tabet

LIENHART, ERMANNO (1886-1961)

Pseudonimo di Hermann Gerstmayer ((Koblenz 16 ottobre 1886 - Berlino 25 maggio 1961)
.
Hermann Gerstmayer è uno scrittore tedesco, che divenne attivo attorno al 1911 come eclettico autore di novellette (dime novel in USA o heftroman in tedesco), per riviste di lettura a poco prezzo, romanzi di avventure esotiche, romanzi gialli e romanzi sentimentali, nessuno particolarmente memorabile. La sua bibliografia raggiunge 160 titoli accertati. Gerstmayer visse a Stoccarda e poi Berlino. Usò numerosi pseudonimi secondo il genere letterario: Leo Harald, Hermann Lienhart, Ralph Doyan, Ralph Hardy, Nicolai Gösch, e Freddy Weller.
Il suo primo libro catalogato è Auf der Flucht durch Borneo, 31 pagine, Berlino 1912 , Vol. 46 della serie Den Erdball/Il Globo (1911-1916) ed. Verlagshaus für Volksliteratur und Kunst, editrice che pubblicava settimanalmente libriccini d'avventure di 30-32 pagine venduti a 10 pfennig. Di Im Kampfe mit den Atjehers (Alle prese con gli Acehnesi, Berlino 1911), che lo precederebbe, probabilmente edito nella stessa serie, invece, non esistono tracce. La Verlagshaus, nella serie "Mit fliegenden Fahnen"( A pieni voti, 1914-1917, letteralmente "A colori volanti") pubblicò altri titoli di Gerstmayer che celebravano le battaglie e gli eroi tedeschi della Grande Guerra. Gli anni Trenta sono il periodo dei romanzi sentimentali pubblicati a puntate sui settimanali, come Das grüne Wrack (Il relitto verde) fra il 1935-1936 in Modenzeitung fürs deutsche Haus (La rivista per la donna tedesca moderna), nel 1938 in Familienfreund (L'amico della famiglia), e persino ristampato non solo nel 1956 tascabile nella collezione Roland Roman, ma anche nel 1995 in una collezione nostalgia.
Gerstmayer mostrò le sue simpatie per il nascente regime nazista sin dall'inizio dell'ascesa al potere di Hitler con il suo romanzo SA-Mann Peter Müller/Storm Trooper (Peter Müller), Langensalza 1934, seguito da Baltikumkämpferf (Combattenti Baltici) Langensalza, 1934.
Nel dopoguerra l'Amministrazione Tedesca per l'Educazione Nazionale nella zona sovietica di occupazione e nella Germania Est incluse i due titoli nella lista (quattro volumi 1946, 1947, 1948, 1952) di opere letterarie proscritte (auszusondernden literature), le cui copie esistenti dovevano essere distrutte. Gerstmayer, che pubblicava quattro/cinque titoli, all'anno rimase inattivo dal 1941 al 1945 quando riprese a scrivere romanzetti sentimentali nelle collezioni dei heftroman settimanali come Die Grosse Roman, Diamant-Roman, Erika Roman-Rosen Roman.
Nel 1949 come Freddy Weller fu il principale autore di Jack Morlan, der Meisterdetektiv - in una serie di tascabili settimanali dal titolo omonimo durata fino al 1952 - le cui avventure furono pubblicate anche in volume. Oltre a Gerstmayer sotto allo pseudonimo di nascondevano Otto Bruno Burkhardt, Fritz Klein, Helmut Nolte. Jack Morlan, un detective inglese che fumava la pipa, ebbe un successo incredibile (10.000 copie settimanali) anche se effimero e fu ristampato negli anni Novanta. Al giorno d'oggi è diventato un cult.
Il figlio di Gerstmayer, Alfred, fu anch'egli scrittore (anche lui un Freddy Weller) ma nessun suo libro è catalogato nelle Biblioteche consultate.
Der Schickfalsweg der Hanne Link di Ermanno Lienhart fu pubblicato da Salani col titolo Un vero amore, 1943 e 1956, nella Biblioteca delle signorine n° 93.

Fonti:
Rheinland-Pfälzische Personendatenbank
www.jackmorlan.de
Alexander Kulpok: "Jack Morlan, Der Detektiv für 30 Pfennig Vor 60 Jahren erschien Woche für Woche ein Fall", in RZ Reinickendorfer Zeitung, luglio 2009
Deutsche Nationalbibliothek
Liste der auszusondernden Literatur; Berlin, Zentralverlag, 1946

Testo e ricerche di Anna Levi



Lienhart, Un vero amore,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa),
ill. di Fiorenzo Faorzi
(courtesy Lia Madorsky)



Hermann Gerstmayer, alias Hermann Lienhart
(source photo: Rheinische Illustierte)

LINARES-BECERRA, CONCHA (1910-2009)

Maria de la Concepción Linares-Becerra y Martín de Eugenio nasce il 25 maggio del 1910 a Madrid, figlia di Luis Linares-Becerra, drammaturgo e pubblicista, e Maria Concepción Martín de Eugenio. Ha due sorelle, Luisa Maria e Maria del Carmen, la prima delle quali anche lei scrittrice. Il padre muore nel 1931 e la giovane Conchita inizia a scrivere, pubblicando la sua prima novella nel 1933 e diviene nota fino alla Seconda Guerra Mondiale; in seguito vi sono altri nomi emergenti in Spagna e viene un po' dimenticata, tuttavia seguita a pubblicare (nel tempo, una trentina di romanzi). Nel 1955 sposa Mario Gonçalves Ramos y Gomes de Mota. Due romanzi vengono adattati per il cinema: Diez días millonaria (1934) e Una chica de opereta (1944). Muore il 30 dicembre del 2009, quasi centenaria, a Madrid.

TITOLI

Por qué me casé con él... (1933)
Diez días millonaria (1934)
Esfinge dorada (1934)
La novia de la Costa Azul (1935)
Opereta (1935)
Sanatorio de amor (1935)
Siete mujeres y un beso (1935)
La conquista del hombre (1936)
Vendrá por el mar (1936)
A sus órdenes, mi Coronel (1938)
Mientras llega la primavera (1939)
Cita en el Paraíso (1940)
Como las estrellas (1940)
La escalera de plata (1940)
Eva emperatriz (1940)
La luna y yo (1940)
Memorias de una "geisha" (1940)
El hombre de aquella noche (1942)
Muchachas sin besos (1943)
Como los hombres nos quieren (1944)

Tradotti in italiano:

Il sorriso della sorte (Salani, 1954)
La fidanzata della Costa Azzurra (Salani, 1954)
Verrà dal mare (Salani, 1954)
Avventura a Granada (Salani, 1981)



Concha Linares Becerra
Il sorriso della sorte

I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Alberto Micheli
Concha Linares Becerra
Verrà dal mare

I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Ugo Signorini


LORING, EMILIE (1864-1951)

Emilie Baker Loring nasce a Boston nel 1864 da George Baker ed Emily Frances Boles. Il padre è autore di testi per il teatro ed editore. Emilie sposa l'avvocato Victor J. Loring dal quale ha due figli, Selden e Robert. Comincia a scrivere in tarda età, nel 1914, romanzi di tipo sentimentale, dove le eroine, pur avendo personalità e coraggio, non disdegnano di apprezzare la vita casalinga; oltre al sentimento, nei suoi testi si trovano accenni ad altri argomenti, quali il patriottismo, la libertà, e la religione. Scritti in maniera semplice, senza il minimo accennno al sesso né comprendenti una parola men che corretta, si fatica a credere che abbia venduto oltre un milione di copie dei suoi primi 30 libri (al momento della sua morte), tuttavia deve aver goduto di ampia popolarità in patria poiché i suoi testi sono molto descrittivi e danno una buona idea di come potesse essere l'ambiente politico e sociale dell'epoca, di come fossero le abitudini e le convenienze sociali e anche l'abbigliamento dei personaggi è sempre descritto minuziosamente. In Italia tuttavia vengono tradotti solo quattro testi.
Emilie è soggetta ad un lungo periodo di malattia invalidante, durante la quale continua a pubblicare indefessamente, e infine muore il 13 marzo 1951 nella sua casa di Wellesley (Massachusetts). Dopo la sua morte i suoi beni vengono gestiti dai due figli i quali, basandosi su una gran quantità di materiale e di bozze, pubblicarono con il nome della madre altri 20 libri a partire dalla data della sua morte fino al 1972; Elinore Denniston è la scrittrice che fece da ghost-writer (una storia già vista con i figli e i ghost-writer di Emilio Salgari). Il figlio Selden pubblica a sua volta due testi nel 1954 e nel 1964 ma non raggiunge molta notorietà.

TITOLI

Mi sposo (
Milano, La Sorgente, 1955)
Missione segreta (Roma, Ed. Mediterranee, 1955)
Conquisto la vita (Salani, 1957)
Io e te (Milano, La sorgente, 1960)




Emilie Loring,
Conquisto la vita,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. di Giorgio Tabet
(courtesy E. Samarelli)

MAGALI' (1898 - 1986)

Jeanne Philbert nasce nel 1898 a Limoux, un paese della Normandia, frutto di una romantica storia d'amour fou tra i genitori, che lei descriverà in seguito nel romanzo L'armoire normande, 19xx. La madre Joséphine muore appena ventottenne nel 1901 e Jeanne viene abbandonata dal padre Auguste, commerciante di vini, che si risposa a Narbonne. Jeanne viene allevata da una quantità di zie, il padre lo vedrà per la prima volta solo a 23 anni. Compie gli studi superiori in collegio, a Carcassonne. Legge molto, si infiamma alle poesie di Mistral, tanto che osa scrivergli, e, a sorpresa, lui le risponde e intrattengono corrispondenza fino al 1914, anno della morte del poeta. E' lui che la chiama Magalì, nom-de-plume che sceglierà in futuro. Si appassiona all'aviazione, anche perché è amico di famiglia lo spericolato aviatore Jules Védrines, che lei considera come uno zio. Poichè scrive già benissimo e scrivere le piace assai, intrattiene corrispondenza anche con un pilota inglese che la chiede in moglie, ma la famiglia rifiuta: Jeanne è ancora troppo giovane. In seguito in Un mari tombé du ciel ricostruirà questa sotria d'amore. Nel 1915 si presenta l'occasione di andare in Algeria come istitutrice, e la famiglia questa volta dà il permesso. Resta a Blida, non lontano da Algeri, per quattro anni (Le Prince du desert è ambientato in questi luoghi). Ritorna in Francia nel 1920, e nel 1922 mette al mondo una bambina, Annie (che morirà prima di lei, nel 1974). Decide infine di cercare il padre, che fino ad allora non ha mai visto, il quale non esita ad accogliere figlia e nipotina nella propria tenuta di campagna. Jeanne lavora ma continua a leggere e a scrivere, e non ha preso l'abitudine di iniziare corrispondenza con sconosciuti: le piacciono le opere di Marcel Idiers, gli scrive per oltre un anno, infine si conoscono, e si sposano nel 1926. La coppia va a vivere a Parigi, dove Jeanne inizia a scrivere romanzi che poi escono a firma del marito (Le collier de rubis, Mon fiancé d'Amérique). Nel 1927 Jeanne si offre a Paris Sport per il resoconto della grande impresa di Lindbergh (e per i suoi trascorsi ha una buona conoscenza dell'aviazione) e in seguito scrive su parecchie testate. Nel 1929 entra nella Société de Gens de Lettres. Si separa dal marito, entra a fr parte della scuderia Tallandier. L'aviatrice Maryse Bastié compie in senso inverso l'impresa di Lindbergh, e Jeanne le scrive immediatamente: divengono amiche. Jeanne si incarica della corrispondenza di Maryse e in seguito scriverà la sua biografia, facendola passare per l'autobiografia dell'aviatrice. Nel 1939 entrambe sono volontarie nella Seconda Guerra Mondiale. Nel 1952 Maryse Bastié morirà durante un volo acrobatico e nel 1957 Magalì istituirà un premio a suo nome per una donna francese che si sia distinta in qualcosa di notevole. Alla fine della guerra Magalì ritorna a Parigi; nel 1946 è ospite sul primo volo della linea Parigi-New York, poichè si reca in Canada per un giro di conferenze. Al ritorno, nel 1947, sposa Joseph Corradot, un ex combattente, letterato e musicista. Si stabiliscono in campagna, a Rueil-la-Gadelière, di cui Magalì diviene consigliere comunale. Inizia una collaborazione con il marito: lui scrive la musica, lei le parole. Alcune di queste canzoni saranno celebri. Nel frattempo continua a scrivere, e nel 1951 è la prima a ricevere dalla Société des Gens des Lettres il Premio "Max Du Veuzit", destinato all'autore francese che viene più stampato nel corso di quattro anni. Ha ottime frequentazioni letterarie e mondane (conosce George Simenon); nel 1953 tiene una rubrica Le Message de Magalì sul mensile femminile La Vie en Fleurs, sul quale vengono pubblicati anche Max du Veuzit e Delly. Nel 1954 riceve la Croce della Legion d'Onore per meriti durante la guerra. Nel 1958 ottiene una pensione dalla Société des Gens de Lettres, di cui diventerà Vice-Presidente nel 1976 (ma si dimetterà nel 1984 per motivi di salute). La Société nel 1986 le conferirà "Le Grand Prix Paul Féval" per la sua opera complessiva. La vecchiaia le porta la cecità, e muore, quasi centenaria, il 5 febbraio 1986. Lascia oltre 100 romanzi.

TITOLI

Nei Romanzi della Rosa cover blu:


L'aviatore conteso (1941)
Perdonare è amare (1941)
Quando è destino (1948)
Corona d'amore (1952)
La vela rossa (1954)
Ma io voglio te (1955)
Castel pirata (1956)

Nei Romanzi della Rosa cover rosa:


Cuore di fiamma (1938)
La principessa dei levrieri (1939)
Il prigioniero di Albarosa (1940)
Anita e il suo amore (1945)
Il castello senza sole (1946)
L'ultima parata (1946)
La conquista della felicità (1951)
Volo d'amore (1953)
Cuore intrepido
(1948)
La strada di fiamma (1958)
Volare (1958)
In Africa col mio amore (1968)
Sconfitta o vittoriosa? (1977)
A cosa pensavi Marion? (1978)

Nella riedizione chiamata collana Oggi, domani:

L'amore di Rosamonde (1981)
La castellana della Lupaia (1981)
Una ragazza di provincia (1981)
La valle dell'inferno (1981)
La donna del mistero (1982)
In missione a Mègève (1982)

Nella collana Vita in fiore:

Due tesori (1955)
Salva due volte (1955)
Claire Foresty, detective (1956)
Un raggio anche per me (1957)

Jeanne Philbert alias Magali
photos: courtesy R. Breuillin
R. Breuillin

Magalì,
L'ultima parata,
Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Alberto Micheli
Magalì,
L'ultima parata,
Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)
ill. non firmata


Magalì,
Quando è destino,
Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)
ill. non firmata
Magalì,
L'aviatore conteso,
I Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)

ill. di
Alberto Micheli

Magalì,
Anita e il suo amore,
Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)

ill. di Alberto Micheli
Magalì,
Il castello senza sole,
Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)

ill. non firmata di Lionello Neppi
(courtesy E. Samarelli)

Magalì,
Cuore di fiamma,
Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Alberto Micheli
Magalì,
Il prigioniero di Albarosa,
Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Gastone Rossini
(courtesy Elisabetta Filippetti)

Magalì,
La conquista della felicità,
Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Giorgio Tabet
Magalì,
Corona d'amore,
Romanzi della Rosa Salani
(cover blu)

ill. di Giorgio Tabet
(courtesy E. Samarelli)
MAYA (PERUGI GONFIANTINI IVA, 1889-1967)




TITOLI

Maya: Versi (Cappelli, 1918)
Bartolomeo Capecchi: note storiche (Pacinotti Edit. Tip., 1927)
Volontà di donna (Cappelli, 1928)
Gli umiliati (Milano, Solmi, 1930)
Il Trionfo dell'amore (Milano, Ediz. Contemporanea, 1932)
Vita pistoiese: Libro fascista (Pistoia, G. Grazzini Edit. Tip., 1933)
Il canto della G.I.L. femminile: Versi di Maya (per canto e pianoforte, Lucca : R. Bianchini, 1937 (Firenze, Stamp. G. E P. Mignani) musica di Roberto Bianchini)
Ballotte... Bruciate... Mondine...! (Roma : S. A. L. E. S., 1939)
La sete estinta (Salani 1942 e 1944)
Io volo e canto...: liriche (Milano, Gastaldi, 1958)
Nel mattino della vita (Ed. Paoline, 1964)


Maya


Maya, La sete estinta,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)

ill. di
Giorgio Tabet

MYRTHA (1901-1981)

Pseudonimo di Rachel Varinot (anche Claude Jaunière e Rachel Laude).




TITOLI

Lo sposerò (Salani, 1952)
Azzurro e oro (Salani, 1953)
7 lettere d'amore (Salani, 1954)
Andante con brio (Salani, 1955)
Il Giardino dell'alhambra (Cino Del Duca, 1955)
Un mistero d'amore (Salani, 1955)
Romanzo in Italia (Salani, 1955)
Vista e presa (Salani, 1955)
Un amore a Parigi (Salani,1956)
Una francese a Istambul (Salani, 1956)
Il nodo segreto (Salani, 1956)
Nell'uragano (Salani, 1957)
Il castello delle ombre (1957)
Nel sogno l'amore (Salani, 1958)
Se l'avessi saputo! (Salani, 1958)
Amore, puoi tornare? (Cino Del Duca, 1961)
Eana (Cino Del Duca, 1960)
Orgoglio e passione (Cino Del Duca, 1962)
Il nodo segreto (Salani, 1965) Il castello delle ombre (Salani, 1970)
Romanzo in Italia (Salani, 1971)
Io la chiamavo Dolcezza (Fratelli Fabbri, 1976)
Cara nemica (Fratelli Fabbri, 1978)
Io ti salvero (Fratelli Fabbri, 1978)
Il vento della sera (Fratelli Fabbri, 1978)
Il mare nei tuoi occhi (Fratelli Fabbri, 1982)
Amore sul Bosforo (Cino del duca, 1983)
Quando fugge una farfalla (Fratelli Fabbri, 1983)
Dolce Romina (Cino del Duca, 1984)
L' amore è giovane (Cino Del Duca, 1986)


Myrtha,
Un mistero d'amore
,
I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)

ill. di U. Signorini
Myrtha,
Sette lettere d'amore
,
I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)

ill. non firmata

MORROW, HONORE' WILLSIE (1880-1940)

Nora Bryant McCue nasce il 19 febbraio 1880 a Ottumwa, Iowa, da William Dunbar e Lily Bryant Head McCue. La famiglia si trasferisce a Madison, Wisconsin, quando è ancora piccina. Frequenta la Madison Central High School e successivamente la University of Wisconsin, dove si laurea in storia. Ha un cane danese di nome Cedric.
Nel 1904 sposa Henry Elmer Willsie (1875-1948), un ingegnere minerario nonché inventore che brevetta una maschera antigas poi utilizzata durante la Prima Guerra Mondiale. Trasferiti in Arizona Nora inizia a pubblicare novelle di argomento western ma anche articoli di vario genere su Collier's magazine and Harper's Weekly. E' anche redattrice de The Delineator, una rivista femminile di moda e cultura varia. Si firma "Honoré Willsie". Il suo primo romanzo viene pubblicato nel 1913, Nel 1922 divorzia dal marito e l'anno dopo sposa a New York l'editore William Morrow (1872-1931) di origini irlandesi. Si dedica alla ricerca storica e diviene una dei maggiori esperti di Abraham Lincoln sul quale pubblica diversi titoli: Forever Free (1927), With Malice Toward None (1928), The Last Full Measure (1930), Benefits Forgot: A Story of Lincoln and Mother Love (1917), Forever Free (1927) e Mary Todd Lincoln: An Appreciation of the Wife of Abraham Lincoln (1928).
La coppia adotta tre bambini, Richard, Felicia e Anne. Hanno una proprietà nel Devon in Inghilterra dove Nora e i suoi figli si stabiliscono definitivamente quando resta vedova. E' di nuovo in America in visita ad una sorella quando si ammala di influenza e muore all'ospedale di New Haven, Connecticut, il 12 aprile 1940.


TITOLI

Still Jim (1915)
Lydia of the Pines (1917)
The Forbidden Trail (1919)
The Enchanted Canyon(1921)
Judith of the Godless Valley (1922)
The Devonshires (1924)
The Exile of the Lariat (1925)
The Father of Little Women (1927), a biography of Bronson Alcott;
Splendor of God (1929), a biography of Baptist missionary Adoniram Judson
Tiger Tiger (1930), a biography of temperance leader John B. Gough
Black Daniel: The Love Story of a Great Man (1931), a story about Daniel Webster
Judith of the Godless Valley (1931)
Yonder Sails the Mayflower (1934).
Demon Daughter (1939)

Tradotti in italiano:

Argonauta (Salani, 1939)
I pionieri del "Mayflower" (Salani, 1957)
Le verdi colline dell'Oregon (Salani, 1970)
John il piccolo conquistatore (Ed. La Sorgente, 1954)
La pista solitaria (Ed. La sorgente, 1959)




H. Morrow, Argonauta,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. non firmata
(courtesy E. Samarelli)


H. Morrow, I prigionieri del Mayflower,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. non firmata

ORCZY, BARONNE



La serie della Primula Rossa della Baronessa Orczy è stata ripubblicata per intero nei Grandi Romanzi Salani (Romanzi della Rosa cover blu) con nuove illustrazioni. Per l'edzione originale si rimanda alla pagina dedicata:




Da sin.: La Primula Rossa, ill. di Luigi Cavalieri; La banda della Primula Rossa,
ill. di Gastone Rossini; La lega della Primula Rossa, illl. di Luigi Cavalieri
.

Baronessa Orczy, Un principe errante e Juanita, la spia,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill.
non firmate

PEREZ Y PEREZ, RAFAEL (1891-1984)

Rafael Perez y Perez è considerato il Delly spagnolo: religioso, conservatore, prolifico autore di romanzi rosa a lieto fine matrimoniale, venduti a milioni, denigrato dai letterati accademici.
Al contrario di Delly, però Perez y Perez era istruito, si impegnò politicamente (a destra), fu coinvolto di persona nella storia del suo Paese e non visse da eremita.
Nacque, secondo di cinque fratelli, il 18 settembre 1891 a Cuatretondeta (Alicante), all'epoca un villaggio di 500 abitanti dove "el tiempo pasa de puntillas" il tempo passa in punta di piedi. I suoi genitori don Jose Perez Molla e la madre Josefa Perez Molla sono cugini primi appartenenti a una famiglia benestante ("muy acomodata"). Il padre frequentò l'Accademia militare di Toledo e divenne poi Secretario de Ayuntamiento (Segretario Comunale). Dopo varie postazioni nella regione di Alicante potè stabilirsi a Cuatretondeta. La zia Matilde Pérez Mollà, vedova Blanes, fu una donna eccezionale, ricca, colta e intelligente che viaggiò anche all'estero. A 66 anni divenne, per nomina, la prima donna sindaco spagnola (dal 1924 al 1936). Durante il suo mandato fece installare la luce elettrica nelle case e le strade di Cuatretondeta e fece costruire la prima carreggiabile (cinque chilometri) che connetteva Cuatretondeta a Ogra. Il nipote ne fece la protagonista del suo primo romanzo La señora del 1914. Fu la cugina, Matilde Blanes Pérez (Matilde come la madre) a farlo stampare a suo spese. Si pensa che essa sia stata il grande amore di Rafael, il quale, a quanto risulta, rimase scapolo. Compie gli studi superiori all'Instituto General y Técnico di Alicante proseguendo alla Escuela Normal del Magisterio, dove ottiene il titolo di Maestro Nacional. Inizia a scrivere con l'incoraggiamento del suo insegnante di letteratura e nel 1909 con Las Germanías de Valencia, monografia storica, vince il Premio della Biblioteca Patria (1904-1930) - casa editrice fondata dal vescovo di Jaca sotto il patrocinio della autorità religiose e dell'aristocrazia per promuovere i "buoni libri", che bandiva ogni anno un concorso per nuovi autori publicando i vincitori nella collezione "Biblioteca Patria de obras premiadas". Il premio apre a Perez le porte del quotidiano Diario di Alicante con cui collabora fino al 1917 quando comincia a insegnare. E' trasferito da un villaggio all'altro nelle zone rurali del Sud della Spagna, minuscoli "pueblos" in cui i "pueblerinos" gli abitanti vivono in condizioni abbiette che egli denuncia in due romanzi Levántate y anda e El último cacique pubblicati sulla rivista Magisterio Español. Ma negli articoli che scrive per i giornali - autocensurandosi - non accusa il governo delle loro condizioni. Da idealistico socialista evangelico, reazionario e conservatore, figlio del suo ambiente, ritiene che sia il dovere delle classi privilegiate di occuparsi dei meno abbienti e inveisce contro i benestanti che lasciano i loro beni alla Chiesa. Finalmente vince una cattedra permanente vicino ad Alicante. Scrive i suoi romanzi anche in cattedra, mentre i suoi alunni sono impegnati nei compiti in classe. Oltre al Magisterio, svolge l'attività di giornalista pere El Heraldo de Alcoy, El Eco dee Cartagena, La Nueva Marina.
Nel 1925 arriva il successo con il romanzo Inmaculada, vincitore del premio Juana y Rosa Quintana. Da questo momento è una vertiginosa produzione di libri, di ristampe e di vendite. La sua bibliografia non è mai stata redatta ma pare che alla metà degli anni Trenta avesse già scritto 200 romanzi. I suoi libri si sono venduti a milioni. Si calcola che in totale ne abbia venduti ventidue, incluse numerose traduzioni, non contando le edizioni pirata latino americane. Allo scoppio della guerra civile deve fuggire gli "energúmenos rojos" rifugiandosi via Nordafrica nella Spagna franchista (vola ad Oran con un volo della Air France). A Siviglia nel 1937 riesce di nuovo a insegnare e nel 1939 viene nominato da Franco Ispettore della Pubblica Istruzione. Riprende a scrivere con lo stesso successo di vendite anteguerra. Pubblica la trilogía Dos Españas che conferma le sue ideologie conservatrici. Muñequita (Bambolina, Salani 1946, Biblioteca delle signorine n° 133) e Cuando pasa el amor sono adattati per lo schermo, ma il risultato non piace al nostro che proibisce altri adattamenti. Nel 1958 va in pensionamento volontario anticipato e si ritira a Cuatretondeta dove scriverà fino agli Settanta, quando deve smettere colpito da cecità progressiva, e vi resterà per sempre. Non ha problemi economici: i diritti di autore fioccano in migliaia di pesetas. Scrisse sempre con una stilografica ricopiando poi i testi con una Olivetti del 1932, come raccontò in una intervista della TV spagnola nel programma "Esta es su vida" nel 1977. Morì il 24 aprile 1984 nella sua abitazione della calle de San Blas e fu sepolto nel cimitero locale. Nel "pueblecito" il tempo non avanzava più, nemmeno a piccoli passi. Semmai tornava indietro: alla sua morte a Cuatretondeta erano rimasti cento abitanti.

Fonti:
Mª Dolores Azorin Fernández, La obra novelistica de Rafael Pérez y Pérez, Instituto d'Estudios Alicantinos, Alicante, 1983.
Consuelo Espinós Ferrándiz, Rafael Pérez y Pérez: hacia un análisis estructural de su novela, Caja de Ahorros Provincial de Alicante, 1983.
El Pais, 31 luglio 1981 e 25 aprile 1984.

Testo e ricerche di Anna Levi


Rafael Perez y Perez,
Bambolina
,
I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)

ill. non firmata
di Lionello Neppi
Rafael Perez y Perez,
Bambolina
,
I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)

ill. di U. Signorini

Filmografia

Muñequita (1940)
Dir. Ramón Quadreny
Writers: Rafael Pérez y Pérez (novel), Ramón Quadreny
Starring Alfonsina de Saavedra, Rafael Durán, Leonor Fábregas

Cuando pasa el amor (1943)
Dir. Juan López de Valcárcel
Writers: Juan López de Valcárcel, Rafael Pérez y Pérez (novel)
Starring Alfonso Albalat, Amparo Ambit, Emilia Ardanuy


Rafael Pérez y Pérez, Muñequita, 1933

RAIMONDI, ROBERTO (1877-1961) e MIAGLIA, MARIA

BIOGRAFIA IN CORSO DI ELABORAZIONE

TITOLI

Le vie dell'anima (Salani, 1940)

Per i ragazzi:

Bepi il piccolo triestino (dramma in tre atti (Roma, Ausonia, 1928)
Mussolini, la vita e le opere narrate ai giovani
La mammina delle bambole, commedia morale in un atto per bimbe; La ninna-nanna del giovedì santo, bozzetto religioso in un atto per bimbe; Il dentino della Lolli, commedia morale in un atto per bimbe (Roma, Libreria Salesiana, 1929)
Il pittore, monologo umoristico per ragazzo; L'erba del miracolo, commedia in due atti per ragazzi (Roma, Libreria Salesiana, 1929)
Rodomonte al laccio, commedia comica umoristica in un atto per ragazzi; Pagare e tacere commedia morale umoristica in due atti per ragazzi (Roma, Libreria Salesiana, 1929)
Il Rosario della nonna, commedia religiosa in un atto per bambino; Una perfezione, commedia morale in due atti per bambine (Roma, Libreria Salesiana, 1929)
Storia di un burattino, commedia morale in due atti per bimbi; Il buon pastore, commedia religiosa in due atti per bimbi (Roma, Libreria Salesiana, 1929)
Corso di religione ad uso delle scuole medie inferiori svolto secondo i programmi ministeriali (Milano, Dante Alighieri, 1930)
Furetto (illustrato da R. Raimondi, Bemporad, 1933)
Furetto in colonia (illustrato da R. Raimondi, Bemporad, 1936)

Della sola Maria Miaglia:

La legazione del Cardinale Antonio Barberini nella guerra del Monferrato (Roma, Enrico Voghera, 1902)
Una pagina di Poesia francescana (Fabriano, Tip. Economica, 1904)
Le industrie artistiche italiane 2: il ricamo (Roma, Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, 1910)
Storia d'Italia per gli istituti tecnici inferiori, con letture storiche, carte geografiche e illustrazioni. Vol. 1.: Dalle prime civiltà mediterranee alla fine dell'indipendenza greca; Vol. 2.: Dalle lotte civili e guerre esterne della Repubblica (II e I sec. Ac. C.), fino all'abdicazione di Diocleziano (305 d. C.) (Lanciano, Carabba, 1937)

Del solo Roberto Raimondi:

Arte antica: dall'Egitto al Cristianesimo (Milano, Dante Alighieri, 1934)
Nozioni di storia dell'arte con particolare riguardo a quelle manifestazioni d'arte che si riferiscono alla donna, al suo abbigliamento e alla casa attraverso i popoli e gli stili: ad uso dei corsi delle R. Scuole di Magistero femminile (Milano, Dante Alighieri)
Nuovo corso di disegno ad uso delle R. scuole e dei R. istituti tecnici ed industriali superiori, sezioni geometri, edili, falegnami, ebanisti (Milano, Dante Alighieri, 1934)
Nuovo metodo di disegno per la preparazione agli esami di ammissione, promozione e abilitazione nelle R. Scuole medie (Roma, Albrighi, Segati e C., 1934)
Gli stili nell'architettura: schizzi di piante, prospetti e viste assonometriche e prospettiche dei monumenti più importanti ad uso dei RR. Licei scientifici, artistici, e delle RR. scuole di architettura: nozioni pratiche sulle proiezioni ortogonali, prospettiva assonometrica, prospettiva e teoria delle ombre (Milano, Hoepli, 1939)
Il mistero del fascicolo verde (Milano, Sonzogno, 1941)
Storia di una vita - dal nulla a qualche cosa (con presentazione artistica di Aurelio T. Prete, Roma, ERS, 1957)


R. Raimondi e M. Miaglia,
Le vie dell'anima,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa)
ill. di Alberto Micheli


R. Raimondi e M. Miaglia,
Furetto, Bemporad, 1933

ill. di Roberto Raimondi
Roberto Raimondi,
Storia di una vita, ERS, 1957

REGIS, PIERRE (1893-1974)


TITOLI

Pouck. Vie et aventures d'un petit garçon pendant la guerre (1919)
Le Reflet dans la mare (1926)
La victoire de Micheline (1926)
L'Erreur (1927)
De la falaise à la plage (1928)
Le coin du feu (1929)
Huguette chez les Calanquois (1929)
Le phare et la Veilleuse (1930)
Le Lac mystérieux (1931)
Un héritage embarrassant (1931)
La Folle Poursuite (1932)
Charmanteville (1932)
Ma petite Manou, roman illustré par Savitry Déby (1932)
Miette et son parrain (1933)
Françoise ou l'Étrangère (1936)
La Petite Gazelle des sables (1936)
Manou grandit (1937)
Qu'as-tu fait de ton frère? (1942)
Alerte sur le monde (1946)

Per ragazzi:

La Victime expiatoire (nouvelle, La Petite Illustration, 1926, ill. de Georges Scott)
L'Histoire du sous-marin "Gnome" (Collection "Aventures pour enfants", Librairie Saint-Charles, Bruges Années 30, ill. Jean de Chastellus)
Dans les poches des autres (pièce en un acte pour garçonnets, 1937)
Le Mystère du château maudit (Hachette, coll. Bibliothèque rose illustrée, 1945, ill. André Pécoud)
Teddy chez les cheftaines (Hachette, coll. Bibliothèque rose illustrée, 1946, ill. André Pécoud)
Mariselle aux yeux clos (1948, ill. Etienne Le Rallic)
Drôle de fille (1949)
Cinq enfants dans une île (Hachette, coll. Bibliothèque rose illustrée, 1949, ill. André Pécoud)
Le Lac sans fond (Fleurus, coll. Jean-François, 1950)
La Percée des Mammouth's Mountains (Fleurus, coll. Jean-François, 1950, ill. Frédéric-Antonin Breysse)
Dix filles dans une île (1951)
L'Affaire des pétroles sous-marins (Fleurus, coll. Jean-François, 1952, Illustrations Frédéric-Antonin Breysse)
La Petite Fille de Nouméa (Fleurus, coll. Jean-François, 1952, ill. Noël Gloesner)
Atoll 72 (Fleurus, coll. Jean-François, 1953, ill. Noël Gloesner)
Le Mystère du gouffre (Fleurus, coll. Jean-François, 1954, ill. Pierre Brochard)




Pierre Régis
Un'eredità imbarazzante

I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)
ill. di Gastone Rossini

Pierre Régis
Un'eredità imbarazzante

I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)
ill. non firmata
(courtesy Laboratorio Arti Visive
Salani)




RICHARD, GASTON CHARLES (1875-1953)


TITOLI

Josiane, roman d'amour (1924)
La Cigogne d'argent, dramatique roman d'amour (1925)
Le Châtiment d'Ortrude, dramatique roman d'amour (1925)
La Chiquita, roman du pays basque (1926)
La Jeune fille à la rose (1927)
L'Ingénue de Montmartre (1927)
Rosario, danseuse espagnole (1928) Les Ailes de l'amour (1928)
La Maison des trois marches noires, dramatique roman d'amour (1929)
Amants d'outre-tombe (1929)
La Galante aventure (1929)
La Justice de l'Empereur, dramatique roman d'amour (1929)
Rolande, roman de drame et d'amour (1930)
Dans la jungle humaine (1930)
La Rédemption de Véra, roman de drame et d'amour (1930)
La Bible du pirate, roman dramatique (1931)
Le Mariage de Chonchon (1933)
Ouragan ! (1934)
À coeur perdu (1934)
L'Oiseau de tempête (1934)
Sara Balkhis, danseuse nue (1934)
L'Épervier de Kaâli (1935)
L'Étoile volée (1935)
Le Crime du château de Plohars (1935)
Les Jeux de la mort et de l'amour (1935)
La Nuit de sang (1935)
Le Temple du lac amer (1936)
Le Dieu de jade rouge (1936)

Tradotti in italiano:

L'amazzone dell'aria (La chevalière de l'air, 1932) Salani, 1947
Il costume di Lady Elmoor (La belle robe de Lady Elmoor, 1928) Il romanzo mensile, Milano, Corriere Della Sera, 1928




G. C. Richard,
L'amazzone dell'aria
I romanzi della rosa Salani (cover rosa)
ill. di Alberto Micheli




SABATINI, RAFAEL (1875 - 1950)

Nasce il 29 aprile 1875 a Jesi (Ancona) da madre italiana e padre inglese, entrambi cantanti lirici. Parla cinque lingue, ma sceglierà l'inglese per scrivere. Esordisce nel 1890 ma il successo gli arride in seguito, con i romanzi di cappa e spada per cui diviene famoso. Sposa Ruth Dixon nel 1905, ma dopo la tragica morte dell'unico figlio divorziano nel 1931. Si ritira a vivere in campagna e si risposa nel 1935 con la ex moglie dell'ex cognato, Christine Dixon, ma durante la Seconda Guerra Mondiale il figlio della moglie, pilota della RAF, precipita con il suo aereo. Questa nuova tragedia segna l'inizio del suo declino.
Sabatini muore a Adelboden (Svizzera) il 13 febbraio 1950.
Scaramouche è il titolo che gli darà fama immortale, grazie anche al film con Stewart Granger, tuttavia dalla trama assai rimaneggiata
per esigenze commerciali. Anche Captain Blood ottiene un buon successo, e in definitiva egli con la sua produzione romanzesca si guadagna ampiamente da vivere. I titoli sono una cinquantina.
Per un profilo completo rimandiamo al sito internet dedicato:
www.rafaelsabatini.com

TITOLI:

The Lovers of Yvonne (1902)
Bardelys il Magnifico (1906, pubblicato da Salani nei Romanzi Azzurri nel 1933)
The Sea Hawk (1915)
Scaramouche (1921)
Captain Blood (1922)
Sangue sul Fiordaliso (pubblicato da Salani nei Grandi Romanzi Salani nel 1956 e successivamente nei Romanzi della Rosa)


Rafael Sabatini




Rafael Sabatini,
Sangue sul Fiordaliso
,

I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. non firmata
(courtesy Elisabetta Filippetti)

I romanzi di Rafael Sabatini sono stati pubblicati in Italia da Sonzogno.

SICCARDI, BARBARA (1881-1962)

Barbara Maria Siccardi nasce a Verzuolo (Cuneo), figlia del conte Emilio e di Virginia Borbonese. Il nonno paterno è il conte Giuseppe Siccardi (1802-1857), integerrimo magistrato e ministro della Giustizia del Regno di Sardegna, autore della legge nota come "Legge Siccardi" che abolì i privilegi ecclesiastici. Per quanto i Siccardi siano un'antichissima famiglia piemontese, Giuseppe non nasce nobile: otterrà il titolo di conte nel 1846 per i servizi resi alla Corona. Verzuolo e Torino gli dedicano una strada. Dal primo matrimonio di Emilio, quarto e ultimo figlio di Giuseppe, con la nobile torinese Camilla Borbonese nasce Irene; dalle sue seconde nozze con Virginia Borbonese nascono Barbara e Vittorio. Emilio è ingegnere e scienziato, progettista ferroviario, inventore di "un nuovo tenditore, ossia sistema d'attacco per l'esercizio delle vie ferrate" per cui ottiene un brevetto di un anno nel 1884. Dopo varie prove, inclusa una sul treno reale, il sistema viene applicato ai treni della linea Palermo-Porto Empedocle. I suoi riusciti esperimenti sulla luce elettrica nel 1882 fanno di Verzuolo il primo comune italiano dotato di elettricità.
I Borbonese, proprietari alla fine dell'Ottocento di una villa nella borgata di Lingotto, sono filantropi attivi, fondano l'asilo infantile e la "Pro Lingotto". Danno il nome a una piccola bottega di gioielli e accessori di alta moda in via Bogino, che viene gestita (1910) da una affermata modista torinese la quale poi la rileva e fonda il marchio "Borbonese", accessori di lusso, tuttora esistente.
I Siccardi, una famiglia molto numerosa, fanno parte della nobiltà piemontese: un'amicizia particolare è quella con i marchesi d'Azeglio. Possiedono nel centro di Torino un antico palazzo (palazzo dei Medici), noto in seguito come Palazzo Siccardi, sede (1906) della Prefettura e poi della Camera del Lavoro; incendiato dai fascisti nel 1921, cadrà in abbandono. La residenza di Verzuolo è la settecentesca Villa Siccardi dove nasce Barbara.
La vita di Barbara si svolge semplice e modesta, dedita alle cure della famiglia e alla beneficenza: è quella di una signorina Felicita della Torino bene fine Ottocento, descritte dal coetaneo Guido Gozzano. Arriva tardi alla letteratura, a giudicare dalle date della sua limitata bibliografia. Infatti a suo nome si trovano solo quattro titoli usciti fra il 1943 e il 1952, È evidente la sua ottima istruzione, come prova l'accuratezza storica de La Vindice trionfa, che narra la difesa di Torino nel 1706 contro l'invasione francese sventata dal sacrificio di Pietro Micca.
Bella, intelligente e colta, conversatrice arguta, Barbara rimane tuttavia nubile. Il suo notevole patrimonio si svaluta alla fine della Grande Guerra, e dopo una giovinezza agiata, vive in ristrettezze, aiutata dalla famiglia. Trascorre gli ultimi anni della sua vita all'Istituto dei poveri infermi cronici a Pinerolo (Torino) dove muore il 5 maggio 1962.

Testo parzialmente riprodotto dal volume di Anna Levi Storia della Biblioteca dei Miei Ragazzi.
Anna Levi

TITOLI

Il grande nemico (1943)
Vince chi sfida
La Vindice trionfa (1948)
nella Biblioteca dei Miei Ragazzi
Il volo della Fortuna (1951) nella Biblioteca dei Miei Ragazzi



Barbara Siccardi,
Il grande nemico
,
I romanzi della rosa Salani
(cover rosa)

ill. non firmata




SNORRASON, IDA (1882-1950)

Inger Ida Mathea de Chabert nasce il 1° settembre 1882 da Charles Christian de Chabert, militare di carriera che all'epoca della nascita della figlia era capitano del 17° Battaglione a Copenhagen, e di Amalie Wilhemine Augusta Rasmussen. Ha tre sorelle: Vilhemine Charlotte (1886-1975), Alice Rastrup (189 -1967), e Harriet Anna Marie (1884-1962). Nel 1909 sposa Jørgen Snorri Egil Snorrason (1876-1940) che diviene Direttore della Borsa di Copenhagen. Dalla coppia nasce il figlio Egill Snorri Hrafn (1915-1996).
Ida Snorrason è scrittrice e traduttrice dall'inglese (Agatha Christie ) e dal francese (Les âmes du Purgatoire e Don Juan di P. Merimée), autrice di 22 volumi (catalogati) di storia e romanzi pubblicati dal 1940 al 1946 con varie riedizioni. Muore a Copenhagen il 15 maggio 1950.
Il figlio Egill divenne un clinico di fama mondiale, ricoprì importanti cariche quale Professore e Direttore del Dipartimento di Reumatologia e di Psichiatria all'ospedale Universitario di Copenhagen, autore di pubblicazioni scientifiche e di storia della medicina. Alla sua morte fu sepolto con i genitori nel cimitero di Holmen di Copenhagen.


FONTI:

Dizionario degli Autori Danesi, 1900-1950. Vol 1-3, 1959-64
Dansk medicinhistorisk årbog - Volumes 13-15, 1984

TITOLI

Doktorens Birgit, tradotto da Salani E comparve l'amore, 1953, nella Biblioteca delle Signorine n°161


Ida Snorrason, E comparve l'amore,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa)
ill. di U. Signorini

SPINELLI, BIANCA MARIA (1906-n.d.)

Bianca Maria Spinelli nasce a Firenze il 28 settembre 1906 da Ferdinando e Alda Tossani. Laureata in Lingue straniere, è soprattutto una traduttrice e (occasionalmente anche una delle traduttrici dei libri della Bibliothèque de Suzette per Salani). Sembra aver avuto una carriera molto breve, forse interrotta dalla Seconda Guerra Mondiale: la sua produzione letteraria si limita a quattro titoli e si interrompe nel 1942, quando da Firenze si trasferisce a Siena.
Bianca Maria Spinelli, probabilmente insegnante, esordisce nel 1934 da Sansoni con la traduzione di The New Background of Science di James H. Jeans con prefazione di Giovanni Gentile. Segue nel 1936 da Bemporad quella di Queen Elizabeth di J. E. Neale. Nel 1943 esce nella Biblioteca delle Signorine il secondo e ultimo romanzo della Spinelli, Le stelle portan fortuna.
Il 21 ottobre 1949 sposa a Forte dei Marmi Giovanni Muratori.
Nella città versiliese è ambientata la vicenda de Il sentiero di Casa Rossa, un piacevole racconto nello stile dei Suzette, pubblicato da Salani nel 1942 e successivamente ristampato.

Testo parzialmente riprodotto dal volume di Anna Levi Storia della Biblioteca dei Miei Ragazzi.
Anna Levi

TITOLI

Il sentiero di Casa Rossa (1942) nella Biblioteca dei Miei ragazzi
Le stelle portan fortuna (1943)





Bianca Maria Spinelli, Le stelle portan fortuna,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa)
i
ll. di Alberto Micheli


VAN DER MEERSCH, MAXENCE (1907-1951)

Autore francese di origini fiamminghe, nato a Roubaix il 4 maggio 1907 e morto di tisi il 14 gennaio 1951 a Touquet.

Ampia biografia in:
https://fr.wikipedia.org/wiki/Maxence_Van_der_Meersch

Ampia iconografia nel sito dedicato:
http://www.maxencevandermeersch.fr

TITOLI

La Maison dans la dune (1932) tradotto La casa sulla duna,
Ed. Massimo, 1961 e successivamnete Garzanti
Car ils ne savent ce qu'ils font... (1933) tradotto Perchè non sanno quello che fanno... Ed. Massimo, 1955 e successivamente Mondadori
Quand les sirènes se taisent (1933) tradotto Quando le sirene tacciono, Ed.
Massimo, 1963
La Fille pauvre (romanzo autobiografico in tre volumi: 1. Le Péché du monde (1934), 2. Le Cœur pur (1948), 3. La Compagne (postumo, 1955) Il n. 1 tradotto Il peccato del mondo, dal testo originale francese da Arturo Fanoli, Baldini & Castoldi, 1945
Invasion 14 (1935) tradotto L' invasione, Ed.
Massimo, 1966
Maria, fille de Flandre (1935) tradotto Maria, figlia di Fiandra, Salani, 1954, 1955
L'Empreinte de Dieu (prix Goncourt, 1936) tradotto L'impronta, traduzione dall'olandese di Wanda Bontà, Ed. Genio, 1937; anche L' impronta del Dio, Ed. Massimo, 1958
e successivamente Mondadori
L'elu (1937) tradotto La via della salvezza, Salani, 1939, 1942, 1944, 1946, 1947, 1952, 1954 e successivamente Garzanti
Pecheurs d'hommes (1940) tradotto Pescatori d'uomini, Soc. Editrice S. Alessandro, 1955 e successivamente Ed. Massimo
Vie du curé d'Ars (1942)
Corps et Âmes (1943) tradotto Corpi e anime, Garzanti, 1950 e successivamente Rizzoli
La petite Sainte Thérèse (1947) tradotto La piccola santa Teresa, Garzanti, 1956
Pourquoi j'ai ecrit Corps et Âmes (postumo, 1956 ) tradotto Al di fuori della cittadella, Ediz. Buccianti, 1959


H. Van Der Meersch, La via della salvezza,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. di G. RossinI

VON SAZENHOFEN, ALEXANDRA (1906-1984)






TITOLI

Sylvia wird gesucht (1937)
Morgen fahren wir (1939)
Verbrechen im Echatten (1949)

Tradotti in italiano:

Il Pappagallo verde, Il romanzo mensile, Corriere Della Sera, 1937
In cerca di Silvia (Sylvia wird gesucht) Salani, Grandi Romanzi Salani n° 115, 1941




Alexandra Sazenhofen, In cerca di Silvia,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. non firmata
(courtesy Elisabetta Filippetti)

VON UHDE, SOFIA (1886 - 1956)





TITOLI

Egon steigt auf die Berge (1929)
Deutsche unterm Kreuz des Südens (1934)
Farbenspiele des Lebens (1937)
Jahr der Reiterin (1941)
Der Blaue Diamant (1941)
Sommer in Haus Ulmenhöh (1942)
Arne (1942)
Die Rieders (1944)




Sofia von Uhde, Approdo fatale,
I romanzi della rosa Salani (cover rosa)
ill. non firmata
(courtesy Laboratorio Arti Visive
Salani)

WEIRAUCH, ANNA ELIZABET (1887-1970)

Quella di Anna Elizabet Weirauch è la vita di una donna omossessuale in una epoca in cui "l'amore che non osa chiamarsi col suo nome"(1) era considerato una perversione.
Nasce in Romania, a Galati, città sul Danubio, il 7 agosto 1887, ultima delle quattro figlie di un alto funzionario della Banca Nazionale di Romania fondata nel 1880 da Eugeniu Carada. Sia il padre che la madre, entrambi luterani, discendevano da comunità tedesche che si erano trasferite e avevano vissuto in Romania sin dal XIII secolo e continuarono ad arrivare nei secoli seguenti. Nel cimitero della chiesa evangelista luterana St Jakob di Rupea (Brasov) esiste ancora la pietra tombale di Emeretia Weirauch, vedova di David Weirauch, morta nel 1631.
In seguito alla morte improvvisa del padre nel 1891, la madre (anch'essa scrittrice) decide di tornare in Germania, sistemandosi nel 1893 a Berlino, dove Anna Elizabet frequenta il prestigioso Victoria Lyceum, una scuola secondaria per ragazze (Höhere Töchterschule) che preparava anche per l'Università. In seguito prende lezioni di canto e di recitazione. Debutta nel 1903 dimostrando gran talento e dal 1906 al 1914 fa parte della compagnia teatrale del Deutsches Theater di Berlino diretta da Max Rheinardt, diventando nota come attrice.
Alla fine della Grande Guerra inizia la sua carriera letteraria dapprima come commediografa. Ha un limitato successo: le sue commedie sono rappresentate alle matinée del Deutsches Theater e nel 1918 viene elencata nell'Annuario degli autori teatrali come residente a Berlino.
Nel 1918 esce Die kleine Dagmar (La piccola Dagmar) che viene bene accolto e la spinge a continuare nella narrativa con i romanzi Sogno: Das Buch der Träume (Sogno: Il libro dei sogni) e con Der Tag der Artemis (Il giorno di Artemide), romanzo omoerotico fra due giovanetti del 1919.
Lo stesso anno pubblica l'opera d'avanguardia che la rende famosa: Der Skorpion (Lo scorpione), una storia d'amore spirituale e fisico fra due donne, un Entwicklungsroman (un romanzo di evoluzione personale). Una generazione prima la scrittrice Elisabeth Dauthendey (1854-1943) aveva scritto di amore fra donne ma non in termini fisici.
Il romanzo non suscitò nessuno scandalo, inserendosi perfettamente nell'atmosfera intellettuale della neonata (1919) Repubblica di Weimar, dove tutto finì per essere permesso in un'indifferente decadenza morale ben descritta da Christopher Isherwood in Farewell to Berlin (1930). Ottiene un grande successo, tale che il pubblico richiede un seguito che Anne Elizabet scrive nei due sequel (1921, 1931) con cui Der Skorpion diviene una trilogia. Naturalmente all'ascesa del Nazismo viene messo al bando come letteratura degenerata. Negli anni Venti Anna Elizabet conosce l'attrice olandese Helena Geisenhainer, che aveva dieci anni meno di lei, con cui ha una relazione stabile per tutta la vita. Per quanto Der Skorpion non sia autobiografico perché, al contrario dell'autrice, la protagonista vive una serie di amori sfortunati e osteggiati, di certo il loro rapporto le servì da ispirazione, soprattutto nel presentare il punto di vista psicologico dei suoi personaggi femminili. Durante il nazismo vive a Gastag, in Bavaria. Per poter pubblicare si iscrive alla Reichsschrifttumskammer, l'associazione degli artisti voluta da Goebbels ma non si iscrive al partito nazista. Un viaggio in Olanda con la compagna le ispira Mynheer Corremans und seine Töchter (Il signor Corremans e le sue figlie, 1940) un fine studio di vita sui rapporti fra un vedovo che ha risposato una donna giovanissima e le sue figlie. Durante la Seconda Guerra Mondiale continua a scrivere e a pubblicare. Alla fine della guerra, Anna Elizabet e la sua compagna vivevano a Monaco. Ritornano a Berlino nel 1961 e si stabiliscono nella casa di riposo Käte-Dorsch per ex attrici. La nostra scrisse un totale di 66 volumi fra commedie, novelle e romanzi lavorando fino alla morte, avvenuta il 21 dicembre 1970. Helena Geisenhainer morì vent'anni dopo. Entrambe sono sepolte al cimitero Reinickendorf di Berlino. Der Skorpion fu tradotto in varie lingue (sette edizioni in inglese), ma non risulta in italiano. Fu riscoperto negli anni Settanta dalla comunità gay tedesca e anglosassone, divenne un libro cult ed è stato ristampato in tempi recenti. In italiano di Anna Weirauh fu tradotto soltanto Das haus in der veenestraat (Berlino, 1936) come Le sorelle Van Vlet nella Biblioteca delle signorine Salani, 1952.

(1) "The love that dare not speak its name" nel poema "Two loves" di Lord Alfred Douglas 1894 a Oscar Wilde

Testo a cura di Anna Levi adattato dall'articolo di Claudia Schoppmann: Anne Elisabet Weirauch (1887-1970), Berlin, 2005, on line.




Anna E. Weirauch,
Le sorelle Van Vlet,
I romanzi della rosa Salani
(cover rosa),

ill. non firmata di Lionello Neppi
(courtesy E. Samarelli)




Anna E. Weirauch,
Le sorelle Van Vlet,
I romanzi della rosa Salani
(cover rosa),

ill. non firmata
(courtesy Laboratorio Arti Visive
Salani)

YAMBO


BIOGRAFIA IN ILLUSTRATORI S-Z
Yambo,
La fiamma sulla balzana
,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. di Fiorenzo Faorzi
Yambo,
La Dama di Altacomba
,
I Romanzi della Rosa Salani (cover blu)
ill. di Giorgio Tabet
(courtesy Lia Madorsky)


BIBLIOTECA DELLE SIGNORINE
AUTORI
A-C
BIBLIOTECA DELLE SIGNORINE
AUTORI
D-F
BIBLIOTECA DELLE SIGNORINE
AUTORI
G-L
BIBLIOTECA DELLE SIGNORINE
AUTORI
M-R
BIBLIOTECA DELLE SIGNORINE
AUTORI
S-Z

HOME