biografie

MYRTHA


Rachel Varinot nasce a Parigi in via Roger 5, Montparnasse, il 26 luglio 1901, secondogenita di Marie Pauline Varinot (1). La madre, sposatasi pressoché adolescente nel 1891, è placière (2) e alla nascita della figlia è vedova poiché il marito Jean Baptiste Laude, di professione contabile, è morto da più di un anno. Rachel è quindi illegittima e Marie Pauline riconosce la figlia solo nel 1911. Fra i testimoni della nascita, oltre alla levatrice, figura anche il benestante (rentier) Jean Richecoeur, di anni 57, che abita meno di mezz'ora di distanza da rue Roger. Il fratello maggiore di Rachel, Jules (1892-1917) porta invece il cognome del padre.
Rachel Varinot ottiene il brevetto di studi superiori, poi si impiega come segretaria e infine approda, diventandone responsabile, nel reparto pubblicità della casa cinematografica Gaumont dove ha la funzione di editare i copioni cinematografici, in genere adattamenti di romanzi per lo schermo. Dopo poco si rende conto di poter scrivere il testo di un copione e comincia a "novellizzare" film per i cineromanzi molto alla moda sin dal 1915. Grazie alla sua esperienza e alle buone conoscenze fatte nell'ambiente non ha diffcoltà ad entrare nel mondo dei cineromanzi e dal 1934 al 1940 pubblica 15 titoli presso Tallandier per la sua collezione settimanale di cineromanzi Cinéma-bibliothèque.
Si citano Casanova, (no 662) 1934, Little Women (no 689) 1935, David Copperfield (no 705), Le Bas Fonds (no 10- nuova serie) 1937, e infine La Règle du jeu (no 37) 1940, di Jean Renoir, con dialoghi e messa in scena dello stesso Jean Renoir (3). Di questo film aveva gia realizzato una "novellizazione" non illustrata per L'Oeuvre, un giornale socialista che la pubblicò fra il 6 e il 14 giugno 1939.
I "novellatori" dei cineromanzi a commento dei fotogrammi creavano uno zuccheroso contrito testo narrativo, un misto di voli lirici, fantasia, e immaginazione personali ad uso dei semiletterati lettori. Addirittura a La Règle du jeu la Varinot aggiunse un futuristico "epilogo" rosa a quattro anni dalla fine della vicenda, che non teneva assolutamente conto dei tempi tragici a cui la Francia stava andando incontro.
È in quest'epoca che MlleVarinot conosce Magalì, scrittrice di grande successo, che fa parte della vasta nuova generazione post Delly di autrici sentimentali, di cui diviene segretaria PA. Sia Magalì che Raymond Dumoncel, direttore di Tallandier, impressionati dalla sua prosa cineromanzesca suggerirono alla Varinot di scrivere romanzi per signorine, una carriera a cui, diventata Claude Jaunière, si dedicò a tempo pieno per 40 anni dal 1940 e durante la quale pubblicò 160 romanzi e colllaborò alle riviste femminili più in voga dell'epoca: Femmes d'aujourd'hui, Festival, Lisez-moi Bleu, La Vie en fleur, Lectures d'aujourd'hui, Les Veillées des Chaumières.(4)
Rachel Varinot viaggia. Visita l'Italia (a Firenze incontra il suo editore italiano Salani e visita Roma), la Spagna (le ispira Romance à Grenade), il Marocco, la Grecia (ne parla nel romanzo Pour un si grand amour per bocca di un personaggio: <J'ai un très vif désir de revoir la Grèce et les îles de la mer Egée....>), la Turchia (rievocata con lo pseudonimo Rachel Laude in Combat contre mon cœur, 1954 (in italiano presso Salani Una francese a Istambul), e il Canada. Ormai è diventata Claude Jaunière.
Si reca in Canada per la prima volta nel 1950,
insieme con Magalì che vi era già stata in precedenza, ospiti della "Association canadienne des bibliothécaires de langue française", che riportò nel rendiconto del 1951: "La conférence de Mesdames Magali et Claude Jaunière, que nous recevions dernièrement, permettra de faire relier cent vingt-trois volumes".(5)
Nel 1952 Pierre Tisseyre, scrittore ed editore in Québec, fonda in Canada "Le Circle du Livre romanesque" per un pubblico cattolico conservatore - usando i fondi letterari dell'amico Dumoncel - e pubblica libri in cui si parla di amore senza sesso, da distribuirsi attraverso un club di lettura, un metodo di distribuzione molto popolare nel vasto Canada.
Per lanciare il nuovo club associato alla collezione, Tisseyre invita le due vedette Tallandier, Magalì e Jaunière, oramai diventate care amiche, per una serie di conferenze sul tema "Les femmes et le roman d'amour". Le due donne sono in lutto per la tragica morte il 6 luglio 1952 della comune amica Maryse Bastié, celebre aviatrice, ma ai primi di settembre 1952, ancora sotto choc, Magalì e Jaunière si imbarcano sul Liberté a Le Havre per New York. Vi rimangono qualche giorno prima di raggiungere il Canada per una lunga tournée costa a costa in 32 città. Parlano di Delly, del romanzo sentimentale e dei propri libri. Hanno un successo strepitoso che vale al Cercle du Livre romanesque 3000 nuovi abbonati (6).
Magalì e Jaunière mantennero forti e costanti legami con il Canada promovuendo manifestazioni e attività atte ad incrementare la reciproca conoscenza letteraria fra i due paesi e vi ritornarono nel 1954 con Dumoncel e nel 1958 per nuove tournée.(7)
Nel 1976 Jauniere visita la Russia con una delegazione di scrittori francesi che comprende Hervé Bazin, arrivando sino in Uzbekistan, viaggio che le ispira La rose de Tachkent, 1977.
E' socia della Société des Gens de Lettres de France, e Vicepresidente con Magalì del Club delle Scrittrici e Romanziere Professioniste presieduto da Max du Veuzit.
Fra i premi letterari che ottenne si cita il Premio Max du Veuzit 1951 per Le Logis des ombrages,
In Italia Jaunière fu pubblicata da Salani per la prima volta nel 1952 (Io lo sposerò) con lo pseudonimo Myrtha, un personaggio del balletto Giselle. Nel 1983 la ristampava ancora Cino del Duca (Amore sul Bosforo ovvero Combat contre mon coeur) in una edizione speciale per le lettrci di Intimità.
Ancora nubile, Jaunière si considerava ormai una vieille demoiselle ma il 28 dicembre 1955 sposa una vecchia conoscenza, un ricco benestante di 72 anni , Pierre Léon Galereau, originario di Laval (Mayenne) ma stabilitosi a Fercé, e con lui abita a Parigi, rue Solferino 11. Passano le vacanze nella proprietà "La Jaunière" nella foresta di Javardan, Fercé (Loire-Atlantique) che la scrittrice conosceva sin da giovane e che le aveva infatti ispirato il suo pseudonimo di scrittrice (oltre al romanzo Le Logis des ombrages, 1951).(8) La coppia abita anche Villa la Pergola, al 36 Avenue de France a Roquebrune Cap Martin (esiste ancora). (9)
Rimasta vedova ne 1973, Claude Jaunière muore il 27 giugno 1981 a Saint-Mandé (Val de Marne), un distretto residenziale della banlieu parigina. Magali, sua contemporanea, le sopravvive morendo malata ed ormai cieca cinque anni dopo.

(1) Archives Municipales Paris Etat Civil.
(2) Un placier assegna posti ai banchetti nei mercati pubblici. Oppure si occupa di vendite a domicilio (piazzatore di commercio).
(3) BNF Database.
(4) Journal collection.
(5) Rapport des travaux du congrès annuel, Volumes 7-9, 1951.
(6) Intervista a Pierre Tisseyre, 1989.
(7) Testimonianza Jean Herbette, 2006.
(8) Guide littéraire de la Loire-Atlantique, 2009, p.166.
(9) Annuaire du commerce Didot-Bottin., 1980.

Testo e ricerca di Anna Levi, gennaio 2016.


Photo: part des documents présentés dans l'exposition
« Société d'étude et de conférences, 1946-2006 : 60 ans! »
Université d'Ottawa


Myrtha,
Lo sposerò,

I romanzi della rosa Salani
(c
over rosa)
ill. di Gastone Rossini


Myrtha,
Se l'avessi saputo!
,
I romanzi della rosa Salani
(cover blu)

ill. di U. Signorini




Myrtha,
Un amore a Parigi,
I romanzi della rosa Salani
(c
over rosa)
ill. di U. Signorini



Myrtha,
Il nodo segreto,
Romanzi della Rosa Salani
(cover rosa)
,
ill. di U. Signorini


Claude Jaumière
Amore sul Bosforo
Cino De Duca, 1983


HOME