Casa Editrice Bemporad

BREVE STORIA

Un grande editore:
Enrico Bemporad
(1868-1944)


Nel 1862
Roberto Bemporad (1835-1889) si associa con capitali propri alla ditta dei fratelli Paggi. E' lo stesso anno in cui vede la luce la stamperia di Salani, e la stamperia dei Paggi non dev'essere molto diversa: un torchio, pochi fogli volanti, e tanta voglia di lavorare. All'inizio Roberto si occupa dell'amministrazione e della libreria, ma poichè sposa Virginia, l'unica figlia di Alessandro (Felice è scapolo), diviene chiaro che sarà lui a divenire un giorno cessionario della ditta.
Nel 1889 i fratelli Paggi sono invecchiati, e cedono la proprietà dell'azienda a Roberto Bemporad
. Enrico ha vent'anni e ha appena conseguito il diploma di ragioniere: la dicitura della ditta sarà d'ora innanzi
R. Bemporad e Figlio, cessionari della libreria editrice Felice Paggi
.

Purtroppo Roberto muore poco dopo (il 25 gennaio 1891), e l'azienda passa nelle mani del figlio Enrico, nato il 5 aprile 1868. Enrico lavora in un ufficetto in via del Proconsolo, a stretto contatto di gomito con un certo signor Macario, e il suo tipografo Vittorio Sieni, che fa su e giù di continuo per portargli i fogli in bozza, dalla via del Presto dove tiene i torchi. All'inizio il nonno Alessandro gli sta dietro le spalle, con gli occhiali sul lungo naso, e lo instrada nel lavoro, coadiuvandolo come può, fino al giorno della sua morte (10 agosto 1893): dopo, Enrico rimane solo, ma ha già dimostrato di saperci fare, ed ha già ottenuto il titolo di Cavaliere. La tipografia di Sieni lavora esclusivamente per lui, ed anche le altre tipografie fiorentine si stimano onorate di stampare per Enrico Bemporad, con il quale la casa assume un ruolo di notevole prestigio nell'ambito dell'industria editoriale italiana. Vengono aperte filiali a Roma e Milano. Enrico ha ereditato dal nonno Alessandro l'interesse per la letteratura per ragazzi, che renderà la casa editrice Bemporad apprezzata e nota nel mondo intero. Pubblica dei giornalini per ragazzi che cominciavano in quell'epoca a diffondersi, insieme con il fumetto e i disegni per illustrare i testi, che diverranno ben presto il mezzo di sopravvivenza di diversi pittori, penalizzati dalle basse vendite di quadri. Pubblica inoltre testi scolastici e storico-letterari, piccole enciclopedie, testi classici in edizioni economiche, e si inventa diverse collane per l'infanzia. Oltre alla preesistente Biblioteca Scolastica, la Collana Azzurra - poi Biblioteca Azzurra - è la prima collana dedicata esclusivamente alla letteratura per i ragazzi (seguiranno a breve le collane dei F.lli Treves, la Biblioteca dei Ragazzi dell'Istituto Editoriale Italiano, e, più tardi, la Biblioteca dei Miei Ragazzi di Salani). Enrico Bemporad ha l'intuizione del valore dei romanzi di Salgari, pubblica Le memorie di un pulcino di Ida Baccini, che ha una subitanea fortuna. La Baccini gli farà conoscere Tommaso Catani, e saranno le copertine di lusso della Biblioteca Azzurra a promuovere i racconti fantastici dei viaggi di quest'ultimo. E poi il secondo colpo grosso, dopo Pinocchio, della casa editrice: Il giornalino di Gian Burrasca di Vamba. Gli fanno visita i disegnatori: Enrico Mazzanti, poi Carlo Chiostri, illustratore di punta dei primi anni del secolo, e quando questi diviene celebre e viene chiamato ad incarichi più prestigiosi, Guido Ducci.
Enrico Bemporad riceve la Medaglia d'oro dei benemeriti per l'istruzione; nel 1902 è il primo Presidente dell'Unione fra gli esercenti delle arti grafiche.
E' consigliere comunale e deputato alla Camera di Commercio.
Si pubblicano a pieno ritmo le collane più note, la Biblioteca Azzurra si trasforma nella Biblioteca Bemporad per i Ragazzi, la collana per ragazzi più ampia in assoluto di tutti i tempi. Gli uffici vengono spostati in Via Cavour a metà degli Anni Venti: Enrico è comodamente seduto in un bell'ufficio spazioso, il proto è cambiato, si chiama Riccardo Burberi, che a dispetto del nome è quanto mai gentile con gli autori.
Il 23 luglio 1899 sposa Silvia De Benedetti (San Damiano d'Asti, 19/1/1878 - Firenze, 19 luglio 1980), benestante piemontese, dalla quale ha due figlie: Gabriella (n. 1904) ed Elena (n. 1905).
La crisi arriva nel 1928 quando per le scuole viene adottato un testo unico di Stato (e non sarà solo la Bemporad a risentirne). Tuttavia è da quel settore che la casa editrce trae il vero sostentamento, e si rende necessaria una ristrutturazione. Enrico chiama un gruppo di esperti in problemi editoriali: Giovanni Gentile (già proprietario della Sansoni), Armando Paoletti, Vito Orzalesi; come direttore viene assunto nel 1935 un giovanissimo Renato Giunti.
A causa delle leggi razziali emanate dal regime fascista nel 1938 il marchio Bemporad cessa di esistere ma la casa editrice continua la sua attività con il nome Marzocco, come il leone di Firenze, come la storica rivista letteraria dei primi del Novecento, nome scelto da Ugo Ojetti, all'epoca Presidente della casa (seguito da Giovanni Calò). Durante la Seconda Guerra mondiale scompaiono i grandi protagonisti di questa storia: Enrico Bemporad muore nel 1944. Renato Giunti rileva la casa nel 1956 (e nel 1960 anche la Barbèra); entrambe fanno ora parte del gruppo editoriale Giunti.


La casa editrice
Paggi


I Paggi sono di Siena; nel 1836 Angelo Paggi si trasferisce a Firenze, dove il figlio Alessandro, che a Siena aveva imparato il mestiere del tipografo, si impiega presso la Passigli. Nel 1840 Alessandro allestisce una piccola tipografia in piazza dell'Olio poi, col padre Angelo e col dottor Giuseppe Lazzeretti, apre una Stamperia in caratteri in piazza del Duomo. Ritiratosi il Lazzeretti dalla società, nel 1842 i Paggi vengono autorizzati a proseguire nel loro solo nome l'attività della Stamperia. Alla fine del 1846 l'attività si trasferisce nell'antica via dei Balestrieri, di fronte alla sede del "Buon Governo" e poi della Prefettura, e assume più l'aspetto di un "negozio per la vendita di libri". La via muta il nome in via del Proconsolo: al numero 7 nell'antica libreria si raccoglieranno via via nel tempo intellettuali e scrittori come Giuseppe Rigutini, Pietro Thouar, Silvio Pacini, Ferdinando Martini, Pietro Dazzi, Ida Baccini; e in seguito Luigi Pirandello, Giovanni Papini, Aldo Palazzeschi, Ardengo Soffici.

Agli inizi Alessandro Paggi stampa traduzioni dal francese di testi universitari di medicina; in seguito entra a far parte della ditta il fratello Felice, che ne assume la direzione, e che è in stretto contatto con i mazziniani e i risorgimentali e che è disposto a stamparne gli scritti. Nel decennio dal 1849 al 1859 la libreria è il luogo di convegno dei più fervidi liberali, e subisce varie perquisizioni da parte della polizia granducale: i libri proibiti vengono portati via, ma poi ricompaiono in circolazione. Nella libreria si trovano opere di Massimo d'Azeglio, di Cesare Balbo, di Vincenzo Gioberti, di Ugo Foscolo, di Giuseppe Giusti.
Le prime collane importanti della casa editrice Paggi sono la Biblioteca Italiana, che inizia nel 1851 le sue edizioni, e la Biblioteca Scolastica nel 1857, sotto la supervisione del Dazzi.
Importante novità: i libri dei Paggi sono illustrati.
Negli anni di Firenze capitale (1865-1871) la libreria Paggi acquista sempre più importanza e la tipografia sviluppa un'attività prodigiosa. Nel 1875 viene acquistato uno stabile nella stessa via del Proconsolo, dove viene aperta una libreria vastissima (per l'epoca): 400 mq. Nello stesso anno viene edito il primo libro di favole: Phaedri Augusti Liberti Fabularum Aesopiarum. Il nome di Collodi appare per la prima volta nel 1876 nei Cataloghi della Libreria, con la traduzione dei Racconti delle fate di Perrault, a cui seguono Giannettino, Minuzzolo ed altri libri per ragazzi. Il colpo grosso la casa editrice Paggi lo fa con la pubblicazione di Pinocchio nel 1883, storia già pubblicata a puntate nel "Giornale per i bambini" col titolo Storia di un burattino, ma non sa ancora bene che cos'abbia per le mani: la futura fortuna di chi ne deterrà i diritti. Già nel 1890 le edizioni erano cinque, e non parliamo di quelle del secolo successivo.



Felice Paggi
Alessandro Paggi

Roberto Bemporad
Enrico Bemporad

L'antica libreria Bemporad


Sin: L'attuale
via del Proconsolo;
sopra:
L'attuale
via Cavour 20,

Firenze

IL PRIMO CATALOGO DELLE EDIZIONI BEMPORAD

In calce al testo di un volume del 1896, dove R. Bemporad & Figlio riportano ancora la sottodicitura "cessionari di Felice Paggi", viene riportato per intero il catalogo, suddiviso in:

Biblioteca Scolastica

ISTRUZIONE PRIMARIA
:
Sillabari
Lingua Italiana, Storia, Scienza
Libri per Lettura e di Premio (in maggioranza di Alfani, Baccini, Dazzi, Thouar)
Libri di amena lettura (copertina celeste)
Disegno

ISTRUZIONE SECONDARIA E SUPERIORE:
Grammatiche, Istituzioni Rettoriche, Antologie
Libri di Storia
Libri di Scienza ed Arte
Libri per letture
Pubblicazioni dantesche
Lingue straniere

ISTRUZIONE E EDUCAZIONE POPOLARE
BIBLIOTECA RICREATIVA
OPERE VARIE
(comprese carte topografiche)

Il catalogo dunque è solamente scolastico, e non ancora organizzato in collane monografiche o tematiche, come sarà quello degli Anni Venti, che proponiamo nella versione 1925. Ciò che a noi si rivela particolarmente interessante è lo scarso elenco che costituisce i "libri di amena lettura" supposti per l'istruzione primaria: è il primo nucleo della Biblioteca Azzurra (ancora senza nome), proposta in due versioni: con la sottile copertina celeste per la versione economica, e "legato elegantemente in tela con placca a oro" per la versione di lusso. In calce ai titoli (appena 22) sono elencati due volumi diversi: "in-8°, legati riccamente in tela: L. Capuana, Il Raccontafiabe, con disegni di Enrico Mazzanti ed Eugenio Cecconi, con copertina in cromolitografia di Vittorio Corcos; E. Salgari, Un dramma nell'Oceano Pacifico, ill. disegnate da G.G. Bruno, con una copertina speciale".

Estratto del Catalogo Generale
1925
(courtesy Lia Madorsky)
Per i più piccoli vi sono albumini sagomati, sul modello dei Librini del Cuccù Salani
(courtesy Studio Bibliografico
Malombra
, Vicenza)

Il catalogo del 1925 è piuttosto eclettico, dal quale si evince che le pubblicazioni non sempre seguono un programma editoriale preciso.
I classici, ad esempio, non sono collocati in un'unica collana, ma suddivisi per autore, le cui pubblicazioni hanno una propria veste grafica. Così il catalogo esordisce con Le opere di Dante, la Collezione completa delle opere di Giovanni Verga, la Collezione completa delle opere di Luigi Pirandello, Alcuni dei libri educativi di Paolo Mantegazza, Le confessioni e ricordi di Ferdinando Martini, il Teatro completo di Augusto Novelli, il Teatro dialettale di Luigi Capuana.
Nelle pubblicazione di vario genere troviamo atlanti, una collezione di monografie geografiche "GEA", vocabolari, dizionari, la famosa Enciclopedia Tascabile Bemporad (iniziata nel 1905), le Pubblicazioni de R. Istituto di Studi Superiori pratici e di perfezionamento in Firenze.


Le collane vere e proprie sono:

Romanzi, novelle, poesia, teatro
Collezione di avventure poliziesche
(di Gustave Le Rouge, vedi oltre)
Piccola Biblioteca Britannica (a cura di Diego Angeli)
Americani Illustri (raccolta biografica diretta da H. Nelson Gay)
Collezione di racconti, novelle, leggende, romanzetti per la gioventù (in -8°, illustrata)
I famosi romanzi d'avventure di Emilio Salgari
I suggestivi romanzi d'avventure di Luigi Motta

Biblioteca Bemporad per i ragazzi
Nuova collezione economica Bemporad di racconti, romanzi e avventure
"I Grandi Autori" - Biblioteca della gioventù e del popolo italiano
(diretta da Ettore Fabietti)
Opere illustrate educative e di amena lettura per la gioventù
Il giro del mondo - collana popolare di avventure straordinarie in cielo, in terra, in mare
Bibliotechina "al cuore"
(diretta da Ettore Fabietti)
Albi di illustrazioni a colori in grande formato, solidamente rilegati

Mancano dall'elenco altre collane note, come:

I libri d'oggi
Letture buone
(nuova bibliotechina per l'adolescenza)
Letture popolari e patriottiche
Collezioncina bianca
La bibliotechina della Ruota
(per suggerimento di Anton Giulio Bragaglia, dedicata alla letteratura degli animali)
I romanzi rossi
(1933-35)
La biblioteca verde
(1933-35)
I libri necessari
(collana di monografie di storia delle letterature curata da Giovanni Papini)
Capolavori stranieri per la gioventù



Il n°1 della serie
Romanzi rossi:
Allan, Fatalà, 1933

L. Zuccoli,
I Dursba,
1933
Biblioteca verde Bemporad
(courtesy Studio Bibliografico
Imprimatur
, Cesate (Mi)


Un album per bambini di largo formato, 1924
Ill. di Marina Battigelli
(courtesy Lia Madorsky)



Teresah,
Ombrone, il fiume che piange
,
Bemporad, 1926
Ill. di Roberto Sgrilli
Un'altra serie sembra raccogliere fiabe per l'infanzia. Nel retro di copertina è denominata:

"Edizioni Bemporad per la Gioventù, in 8°, rilegati in mezza tela e cartone con coperta a colori, numerose illustrazion in nero e tavole fuori testo dei pittori D. Betti, D. Tofani e R. Sgrilli"

comprende pochi titoli:
Annemar Togett, Il mistero del mondo fatato
M.A. Barzini, La casa del mago
F. Bettini, Biancabella, Fiordilino e altre fiabe
Rajna Morelli A., Ometto
A. Tanigro, Fiabe per bambini grandi
Teresah, Ombrone, il fiume che piange

I periodici

Nel 1895 per il 1896 Enrico Bemporad inizia le pubblicazioni dell'Almanacco Italiano, una piccola "enciclopedia popolare della vita pratica e annuario diplomatico, amministrativo e statistico", una serie fortunata destinata a scomparire solo nel secondo dopoguerra, affiancato in seguito dal 1920 al 1940 dall'Almanacco della Donna Italiana, diretto dalla moglie Silvia. Per i ragazzi viene pubblicata una collezione di libri sussidiari per la cultura regionale e nozioni varie diretta da Olinto Marinelli e Aveardo De’ Negri.


Almanacco Italiano, 1900
La pubblicità dei due almanacchi,
tratta da: Estratto del Catalogo Generale, 1923


Almanacco Regionale Bemporad per i Ragazzi: Romagna, 1924


Nel 1906 iniziano le pubblicazioni di uno dei giornali più famosi per i ragazzi: Il giornalino della domenica, diretto da Vamba (Luigi Bertelli).
I fascicoli si presentano di grande formato, e sono messi in vendita a 25 centesimi l'uno e con una tiratura iniziale di 3000 copie.

Anno III, N° 50
Ill. di Antonio Rubino



1911
1918
Enciclopedia tascabile Bemporad


Emilio Salgari, Il figlio del Corsaro Rosso, Bemporad, 1910

A Emilio Salgari viene dedicata negli anni Venti-Trenta una collana specifica,
dove si ripubblicano tutti i titoli, dall'impostazione grafica assai simile
a quella della "Nuova collezione economica Bemporad"



Maria Pascucci,
Fra i campi
Bibliotechina "al cuore" vol. n° 83
1935
Enrico Robutti,
Il sacrificio di Sala
Bibliotechina "al cuore" vol. n° 87
1935


La serie denominata "Bibliotechina al cuore" conta numerosi titoli, mentre della serie denominata "Questo è un libro divertente" la Redazione ha trovato solamente pochi titoli:

1. Ornella, Pandemonio, ill. Piero Bernardini
2. C. Santelli, La tribuna volante, ill. Luisa Fantini
3. Vamba, Storia di un naso, ill. dell'Autore e Corrado Sarri,
4. Sto, Sette favole coi fiocchi, ill. dell'Autore
5. L. Hasen, L'autista Weber e il suo piccolo amico
Ornella (Oronzina Quercia Tanzarella), Pandemonio,
Bemporad, 1934
(courtesy Giuseppe Bartolotta, Firenze)







G. Santelli,
La Tribuna volante,
ill. di Luisa Fantini,
nella versione economica
in brossura della collana
"Questo è un libro divertente",
Bemporad, 1937
(courtesy Donatella Legnani)

La collana di regime:
I Libri dell'Ardimento

Giuseppe Fanciulli,
Alza bandiera!,
Marzocco, 1938
ill di Giulio Ferrari
(courtesy Libreria Giorni, Firenzee)
D. Giromini,
Giovannin senza paura
Marzocco, 1939
ill. di Piero Bernardini

(courtesy Lia Madorsky)

G. Giovanazzi,
Per l'Italia e per la mamma,
Bemporad, 1934
C. De Mattia,
I fiocinieri delle Isole del Sole,
Marzocco, 1938

Da un catalogo Bemporad 1935 leggiamo di questa
"nuovissima collezione di libri per ragazzi e giovinetti",
giustificata così:
"L'indirizzo spirituale della nuova Italia suscita ogni giorno nuove esigenze anche nel campo della letteratura per la gioventù; per questo la nostra Casa inizia la presente collezione nella quale saranno raccolti volumi di autori italiani, atti a coltivare nei lettori le più alte qualità del carattere e lo spirito d'ardire e di iniziativa, formando così una gioventù sana di corpo e di animo, coraggiosa e intraprendente, consona insomma al nuovo tipo dell'Italiano come lo vuole Mussolini."

R. Davy Gabrielli,
Gente d'Africa,
Bemporad, 1934
ill. di Mario Pompei
Aurelia Nutini,
I piccoli diverranno grandi,
Bemporad, 1935
ill. di Mario Pompei

AUTORE TITOLO
ANNO
Giuseppe Giovanazzi Per l'Italia e per la mamma
1934
Giuseppe Fanciulli Alza bandiera!
1934
Rosolino Davy-Gabrielli Gente d'Africa
1934
Aurelia Nutini I piccoli diverranno grandi
1935
Tea Cancelli Il volto della Vittoria
1935
Carlo De Mattia I fiocinieri delle isole del sole
1935
Giuseppe Giovanazzi La grotta dell'orso
1936
Dante Giromini Giovannin senza paura
1936
Eugenio Oberti Un ragazzo italiano fra abissini e dervisci
1936
Maria Bandini Buti Bianco rosso verde: origini, glorie, vicende della bandiera italiana
1937
Ferruccia Cappi Bentivegna Il paggio del cavaliere errante: un ragazzo al primo giro del mondo nel 1519
1937
Emitta Nobile Il figlio dell'impero: romanzo per i balilla
1938
Maria Bettolo Aquile d'oro e leoni d'argento
1938
Giuseppe Giovanazzi La culla tra le congiure
1938
Amilcare Calice Montagna eroica: racconto storico
1939
Giuseppe Giovanazzi Il talismano conteso
1939
Ferruccia Cappi Bentivegna Picciotti in Tunisia
1940
Giuseppe Giovanazzi L'arciere infallibile
1943
Emilio Salgari Il re della prateria: romanzo d'avventure
1944
Pina Ballario Tutto da rifare
1944


Libri dell'Ardimento: guardia


La Biblioteca Azzurra


La Biblioteca Bemporad per i Ragazzi


La Biblioteca Economica Bemporad per i Ragazzi



Etre Valori, Il veliero dai tre colori,
Biblioteca Economica per i Ragazzi Bemporad, 1933

Nuova Collezione Economica Bemporad

Fiorenza,
Il cuore dei ragazzi
,
Bemporad, 1924

Ill. di Marina Battigelli
Eugenio Checchi,
Racconti per giovinetti
,
Bemporad, 1924

Ill. di Fabio Fabbi

Si tratta di volumi a volte con diversa grafica editoriale,
copertina cartonata rigida, coeva alla collana Biblioteca Bemporad per i Ragazzi. I volumi riportano nel retro l'elenco dei titoli, quasi gli stessi della collana Capolavori stranieri per la gioventù, con l'aggiunta di alcuni titoli di Autori italiani. Questa serie reca la dicitura "tutti possono leggere le edizioni Bemporad".

Alcott - Piccoli Uomini, Piccole Donne
Andersen - Novelle, Tesoro dorato ed altri racconti
Raspe - Le avventure del Barone di Munchausen
Barrie - Peter Pan nei giardini di Kensington, Peter Pan e Wendy
Barzini - Le avventure di Fiammiferino
Beecher Stowe- La capanna dello zioTom, Mia moglie ed io
Bonsell - L'Ape Maja e le sue avventure
Burnett - Il giardino segreto
Cervantes - Don Chisciotte della Mancia (prime avventure e ultime avventure)
Checchi - Racconti per giovinetti
Daudet - Cosino, Dal mio mulino
De Foe - Vita e avventure di Robinson Crusoe
De La Brete - Mio zio e il mio curato
Dickens - Giovanezze belle
Dumas - Storia di uno schiaccianoci
Fanciulli - L'omino turchino
Fiorenza - Il cuore dei ragazzi
Godwin - Le avventure di Caleb Williams
Grimm - Novelle
, Biancaneve e altre novelle
Lamb - Shakespeare per la gioventù (vol I e II)
Hoffmann - Il figlioccio del diavolo + Le mine di Falun
Lichtenberger - Trottolino mio
Motta - Il deserto di ghiaccio
Muloch - John Halifax
Poe - Racconti straordinari, Nuovi racconti straordinari
Rabelais - Gargantua e Pantagruel
Salgari - La bohème italiana-una vendetta malese, Il re della prateria

Swift - I viaggi di Gulliver
Twain - Le avventure di Tom Sawyer, Tom Sawyer poliziotto, Tom Sawyer l'aereonauta, Il biglietto da 25.000.000 ed altri racconti, Le avventure di Huckleberry Finn (I e II)
Wiggin Douglas - Rebecca di Rio Sole
Wyss - Il Robinson svizzero

Una collana "senza nome" molto interessante è costituita da volumi in 8°, in brossura, con splendide copertine illustrate dai più noti artisti.
Da alcuni cataloghi si ricavano una ventina di titoli.

Biancamaria,
Fiori in autunno e in inverno
,
1923
ill. di Maria De Matteis
Ettore Cozzani,
La siepe di smeraldo
,
1920
ill. di Duilio Cambellotti
(courtesy Tesori di Carta, Bologna)






R. Tomei-Finamore,
I tre nomi di Freddolina
,
Bemporad, 1928

Ill. di Nino Finamore
(courtesy Lia Madorsky)
Bibliotechina per i Fanciulli
collana diretta da Giuseppe Ernesto Nuccio

1. Luigi Capuana, Trich-Trach
2. Adelaide Bernardini, Il tenorino
3. Giuseppe E. Nuccio, Viva l'Italia!
4. Giuseppe Fanciulli, L'occhio della verità
5. Michele Mastropaolo, Povera nonna!
6. Giuseppe Meli, Garibaldi tra ibanchi
7. Giuseppe E. Nuccio, Un muletto alla guerra
8. Renata Andreini, La gratitudine di Floch
9. Lina Panzani, Il cavaliere ie il suo cuore
10. Antonino Pipitone, La fucilazione della grammatica
11. Renato D'Andrei, Monelli
12. Elena D'Aleo, Per amore del nonno
13. Nino Calì Di Falco, Il pesce fatato
14. Maria Scrofani, Una fuga
15. Giuseppe E. Nuccio, La mamma e l'ombra
16. Fernanda Lastretti, Fagiolino
17. G. Minutilla-Lauria, Il padre
18. Elvira Messineo-Astumi, Il prossimo tuo
19. Angelina Lanza, Il piccolo beduino
20. Silvia Reitano, La comaruccia

   

I Libri Misteriosi

Negli Anni Trenta hanno grande successo i romanzi gialli, all'epoca non ancora così definiti, di derivazione anglosassone. Era stato Sir Arthur Conan Doyle il primo a raggiungere la fama con i mystery books, ben presto seguito da numerosissimi autori di qua e di là dell'oceano. Ogni casa editrice si affretta dunque a creare una propria linea di testi di questo genere. Bemporad non fa eccezione, ed ecco
I Libri Misteriosi
, comprendenti generi a dire il vero assai vari, dalle avventure di Arsenio Lupin allo spiritismo, ai romanzi storici.

Il misterioso Dr. Cornelius
è un'altra serie parallela e coeva, dedicata ai romanzi creati da Gustave Le Rouge Le Mystérieux Docteur Cornélius (1911-1912, 18 voll.), in cui il protagonista è l'archetipo del medico pazzo, capace di alterare i lineamenti umani per mezzo della "carnoplastica", antesignano di tanti eroi "neri" della letteratura poliziesca, incluso il nostro Diabolik.

Gustave Le Rouge,
Il ritratto di Lucrezia Borgia
,
1934
al n° 10 della serie
"Il misterioso Dr. Cornelius"
Gustavo Meyrink,
La faccia verde, 1931
al n° 5 de I Libri Misteriosi

IL MISTERIOSO DR. CORNELIUS

1. L'ENIGMA DEL RUSCELLO SANGUINOSO
2. IL CASTELLO DEI DIAMANTI
3. LO SCULTORE DI CARNE UMANA
4. I LORDS DELLA MANO ROSSA
5. IL SEGRETO DELL'ISOLA DEGLI APPICCATI
6 . I CAVALIERI DEL CLOROFORMIO
7. UN DRAMMA AL LUNATIC-ASYLUM
8. L'AUTOMOBILE FANTASMA
9. LA CASA DEI FANTASMI
10. IL RITRATTO DI LUCREZIA BORGIA

(da: Estratto del Catalogo Generale, 1923)

Hans Possendorrf
Lo yacht Kai-Kai
, 1931
al n° 8 de I Libri Misteriosi
ill. di Nerino
Henry James,
Il segreto dell'istitutrice
, 1932
al n° 10 de I Libri Misteriosi
ill. di Nerino




I LIBRI MISTERIOSI
Sul retro di copertina vi sono i titoli:


1. Pierre Benoit - Per Don Carlos
2. Edgar Wallace - Il fiume delle stelle
3. Earl Derr Biggers - Il cammello nero
4. Sax Rohmer - Il mistero del dottor Fu-Manchu
5. Gustavo Meyrink - La faccia verde
6. Vicki Baum - La congiura della "Santa Vema"
7. Maurizio Leblanc - Il castello della Barre-Y-Va
8. Hans Possendorrf - Lo yacht Kai-Kai
9. M. Azirbascev - I selvaggi
10. Henry James - Il segreto dell'istitutrice

e un trafiletto di programma:
"Con questi 10 volumi è completa la prima serie. La seconda, con copertina fotografica, comprenderà volumi di specialissimo interesse, di autori italiani e stranieri, tra i quali [...]"

ed ecco la seconda serie:

11. E. D. Biggers - La crociera del delitto
12. M. Leblanc - Da mezzanotte alle sette
13. A. C. Dauphiné & H.S. Cappellini - Il giuoco della morte
14. M. Leblanc - Arsenio Lupin e la donna dai due sorrisi
15. E. Wallace - I pirati della finanza
16. A. Sorelli - Il segreto dell’altra
17. E. Wallace - I briganti dell’ippodromo
18. W. Speyer - Romanzo di una notte
19. E. Wallace - L’isola di Eva
20. M. Leblanc - Le chiavi misteriose


I Capolavori Stranieri
tradotti per la Gioventù Italiana

E' la più interessante delle collane Bemporad per i ragazzi, dal nostro punto di vista. Si tratta infatti di una collana non eccessivamente ampia, che raccoglie quelli che all'epoca erano i titoli stranieri più importanti per l'infanzia, quelli che oggi chiamiamo "classici".
A parte qualche perplessità su un paio di titoli, oggi ignorati dalla critica e caduti nel dimenticatoio, riteniamo sia la raccolta più completa di romanzi (e novelle) stranieri, che la Bemporad presenta in un formato gradevole, e - ciò che più conta - con una notevole unità d'immagine: copertina sempre uguale, sia nella prima versione, priva di illustrazioni e col testo incolonnato, sia nelle edizioni successive, illustrate, fino all'edizione degli Anni Quaranta, quando abbandona la costa bodoniana per adottare la legatura unica, cartonata.




Capolavori Stranieri per la Gioventù
BACK COVER


L'elenco dei titoli riportato in back cover non è sempre coerente: cfr. a ds. l'elenco dei titoli con le variazioni di titoli e numero riscontrate nei vari volumi riportate in corsivo

I TITOLI

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
12.
13.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
23.
24.
25.
26.
27.
28.
29.
30.
31.
31.
32.
33.
34.
35.
36.
37.
38.
38.
39.
40.
41.
42.
43.
44.
45.
46.
47.
48.
49.
50.
51.
52.
53.
54.
55.

Alcott - Piccoli Uomini
Alcott - Piccole Donne
Andersen - Novelle
Andersen - Tesoro dorato ed altri racconti
Raspe - Le avventure del Barone di Munchausen
Barrie - Peter Pan nei giardini di Kensington
Barrie - Peter Pan e Wendy
Le avventure di Lazarillo de Tormes
Beecher Stowe- La capanna dello zioTom
Beecher Stowe - Mia moglie ed io
Cervantes - Don Chisciotte della Mancia (prime avventure)
Cervantes - Don Chisciotte della Mancia (ultime avventure)
Alcott - I figli di Jo
Erckmann e Chatrian - Storia di un uomo del popolo
Burnett - Il piccolo Lord
Daudet - Cosino
Daudet - Dal mio mulino
De Foe - Vita e avventure di Robinson Crusoe
De La Brète - Mio zio e il mio curato
Dickens - Giovanezze belle
Dumas - Storia di uno schiaccianoci
Andersen - Il giardino del Paradiso e altri racconti
Andersen - Il piccolo elfo e altri racconti
Godwin - Le avventure di Caleb Williams
Grimm - Novelle

Grimm - Biancaneve e altre novelle
Lichtenberger - Trottolino mio
Twain - Tom Sawyer
Twain - Tom Sawyer poliziotto
Twain - Tom Sawyer l'aereonauta
Twain - Il biglietto da 25.000.000 ed altri racconti
Twain - Le avventure di Huckleberry Finn (I)
Twain - Le avventure di Huckleberry Finn (II)
Anstey - Vice versa
Tillier - Lo zio Beniamino
Muloch - John Halifax
Poe - Racconti straordinari
Poe - Nuovi racconti straordinari
Rabelais - Gargantua e Pantagruel
Offmann - Il figlioccio del diavolo + Le mine di Falun
Hugo - Dalla vecchia quercia
Carroll - Alice nel paese delle meraviglie

Swift - I viaggi di Gulliver
Wiggin Douglas - Rebecca di Rio Sole
Wyss - Il Robinson svizzero
Bonsell - L'Ape Maja e le sue avventure
Lamb - Shakespeare per la gioventù (vol I)
Lamb - Shakespeare per la gioventù (vol II)
Alcott - Buone mogli
Burnett - Il giardino segreto
Sand - Le novelle della nonna (la regina delle rane + la donna velata)
Kipling- Il libro delle bestie
Wiseman - Fabiola
Le Sage - Le avventure di Gil Blas (I)
Le Sage - Le avventure di Gil Blas (II)
Kingsley - La storia meravigliosa dei bambini acquatici
Lichtenberger - Piccolo re
Molnar - I ragazzi della via Pal
Melville - Moby Dick

HOME